Opinioni

Scoperto il complotto dei calvi dietro i false flag di Bruxelles!

Nel campo dei complotti ci sono due sostanzialmente due tipi di teorie: quelle basate su coincidenze ridicole e quelle basate sull’analisi dei pixel. L’analisi di Alessandro Di Gaia rientra decisamente nella seconda categoria. Il nostro indagatore dell’occulto ha scoperto che le vittime sono tutti attori. Non è proprio una novità, ne avevamo parlato anche qui, ma il Di Gaia c’ha le prove. E sono prove luccicanti.
complotto calvi bruxelles di gaia - 1
Lo vedete quest’uomo sulla barella avvolto nella carta stagnola (sciocco, non sa che va messa in testa)? Ebbene, è uno dei “feriti” dell’attentato alla stazione della metropolitana di Malbeek. Ebbene a quanto pare la stessa persona ha fatto “la vittima” anche altrove.

complotto calvi bruxelles di gaia - 2
Quella della foto sotto è la stessa persona della foto a inizio articolo, solo senza stagnola

Vedete che i due signori, quello sulla panchina e quello che si copre la bocca con la mano sono calvi uguali? E non trovate strano che sia avvolto nella stagnola come una piadina Kebab? Ecco, allora siete sulla buona strada per risvegliarvi. Non mi stupirei se venisse fuori che questi calvi sono tutti originari della Corsica. Dello stesso autore segnaliamo un confronto tra l’esplosione alla stazione di Bologna e quella dell’aeroporto Zaventem. La prima è vera, la seconda è troppo ordinata e sembra un set cinematografico. Ma ovviamente il nostro eroe non si è accorto che la prima è falsa perché è in bianco e nero, lo sanno tutti che gli umani vedono solo a colori!1
complotto calvi bruxelles di gaia - 3