Politica

Qual è il paese più antieuropeo dell'Unione Europea?

Uno studio americano del Pew Research Center di Washington ci spiega che nonostante il referendum sulla Brexit il popolo che guarda all’Unione europea con più sfavore, dopo i greci rovinati dalla crisi finanziaria, non sono i britannici ma i francesi. Una netta maggioranza, il 68 per cento, ha un’opinione negativa dell’Unione europea. In un anno il tasso di fiducia dei francesi nei confronti dell’Ue si è abbassato di 17 punti. Nel 2004 i francesi a favore erano il 69%: oggi sono solo il 38%. I motivi di scontento sono soprattutto la crisi dei migranti e l’economia, e i più euroscettici sono over 50. L’Italia invece è il Paese più europeista (58%) dietro a Polonia (72%) e Ungheria (61%).

paese antieuropeo
Lo studio del Pew Research Center sul consenso dell’UE (Corriere della Sera, 9 giugno 2016)

In ogni caso, spiega Stefano Montefiori, la situazione non è rosea:

In questi anni la sfiducia nei confronti della Ue si è solo approfondita, e non secondo la prevedibile divisione tra populisti nazionalisti e élite filo-europea. Non poche voci influenti nel dibattito pubblico auspica no il ritorno a una Francia totalmente sovrana: dal più celebre scrittore francese vivente Michel Houellebecq al filosofo di sinistra Michel Onfray nemico dell’«Europa liberale», al polemista neoreazionario Eric Zemmour. In un anno, il tasso di fiducia nei confronti dell’Unione si è abbassato di 17 punti. E se andiamo più indietro, nel 2004 i francesi a favore della Ue erano il 69%: oggi sono solo il 38%. Come negli altri Paesi presi in esame, i motivi di scontento sono soprattutto la gestione della crisi dei migranti e l’economia, e i più euroscettici sono i cittadini oltre i 50 anni. L’Italia resta il Paese più europeista con il 58% di pareri positivi, dietro a Polonia (72%) e Ungheria (61%).