Fatti

Il punto (decisivo) che ha portato le ragazze del volley sul tetto d’Europa | VIDEO

L’Italia del volley femminile è campione d’Europa: battuta in finale la Serbia per 3-1, vendicata la sconfitta per 3-0 alle Olimpiadi di un mese fa. Paola Egonu eletta miglior giocatrice del torneo

italia serbia volley europeo

Il pallonetto avversario tirato su un centimetro prima che tocchi terra, poi l’alzata di Paola Egonu e la schiacciata dalla seconda linea di Miriam Sylla. Un attimo di esitazione. L’arbitro dice che è dentro. Il punto del 25 a 11 è dentro, e l’Italia del volley femminile è campione d’Europa.

Davanti ai 20mila spettatori della Stark Arena di Belgrado, proprio contro la Serbia padrona di casa nonché bestia nera delle azzurre, eliminate con un secco 3-0 alle Olimpiadi un mese fa. Stavolta l’Italia guidata dall’allenatore Davide Mazzanti domina il match e si impone per 3-1 (24-26, 25-22, 25-19, 25-11), conquistando il primo posto nella 32esima edizione del Campionato europeo femminile a dodici anni dall’ultimo oro.

Il match si era messo in salita, con il primo set perso ai vantaggi che rischiava di demoralizzare la squadra. Poi però l’Italia ha ritrovato solidità e per la Serbia non c’è stato nulla da fare. Titolo meritatissimo per aver espresso il volley migliore di tutto il torneo, che ha toccato il picco più alto nell’ultimo set, letteralmente dominato.

Prestazione superlativa per Paola Egonu, premiata alla fine come miglior giocatrice del torneo: 29 punti, contro i 20 di Sylla. A loro si aggiungono le 13 lunghezze della Pietrini, le 8 della Danesi e le 2 della Malinova, mentre Chirichella si è fermata a una. “Non vedevamo l’ora di giocare contro la Serbia”, ha detto Egonu al termine del match ai microfoni di Rai Sport. “Ci ricordavamo bene la partita delle Olimpiadi – ha aggiunto – e provavamo un po’ di vergogna perché sapevamo di non aver giocato come potevamo. Volevamo dimostrare qualcosa, lo abbiamo fatto e sono davvero felice. Questa medaglia cancella il fallimento delle Olimpiadi: non ci siamo abbattute, siamo tornate e abbiamo vinto”. “Le ragazze hanno fatto una grande cosa” dice il ct Davide Mazzanti. “Sono svuotato, è stato periodo tostissimo, ma ora sono contentissimo per le ragazze che se lo sono andate a prendere. Ne avevamo bisogno”.