Trend

Cristina D'Avena canterà alla festa di FdI: "Ho una forte simpatia per Giorgia Meloni"

Asia Buconi|

Cristina D'Avena

La regina delle sigle dei cartoni animati Cristina d’Avena è finita al centro delle polemiche dopo aver annunciato che canterà domani alla festa per i 10 anni di Fratelli d’Italia organizzata a Roma. Le critiche sono arrivate soprattutto dai suoi followers, che hanno imparato a conoscerla come paladina dei diritti della comunità lgbtq+ (molti la ricordano sfilare come ospite canoro al pride di Padova).

Non sorprende, quindi, che qualcuno veda nella sua partecipazione all’evento una mossa quantomeno incoerente, viste le posizioni non certo progressiste di FdI su famiglie arcobaleno e diritti per le coppie dello stesso sesso.

In ogni caso, Cristina D’Avena non si è ancora pronunciata sulle critiche che la stanno travolgendo, probabilmente nella speranza che la polemica si sgonfi presto. Ma al Foglio, la sorella della cantante, Clarissa D’Avena, che è anche sua manager, ha ammesso: “Cristina ha una forte simpatia per Giorgia Meloni”. Tanto che in passato, D’Avena aveva già dichiarato che le sarebbe piaciuto molto duettare con l’attuale Presidente del Consiglio.

Cristina D’Avena canterà alla festa per i 10 anni di FdI: la reazione del web

Il nome di Cristina D’Avena è finito presto nelle tendenze di Twitter, tra utenti che ne hanno condannato la scelta e altri che hanno sottolineato come un artista sia libero di scegliere dove e per chi cantare. “Ok, non simpatizzo Meloni, ma lei potrà cantare dove cavolo vuole?”, tuona un utente. E un’altra le fa eco: “Non vedo il problema, si deve mettere sulla gogna una persona perché svolge il suo lavoro?”.

Mentre chi ne ha condannato la scelta ha fatto notare: “Senza la comunità lgbt non avrebbe il successo che ha, ma visto che ci sputa sopra così spero che non le chiedano più di essere ospite ad alcun Pride”. Non mancano le note ironiche di chi ha immaginato i grandi classici dei cartoni rivisti da D’Avena per la festa di FdI: si va da “Pillon, Pillon combinaguai” a “puffiamo su per giù, due meloni o poco più”.