Opinioni

Perché non è vero che i vitalizi non scattano se si vota a settembre

Beppe Grillo sul suo blog ieri ha scritto che bisogna votare prima del 15 settembre perché altrimenti scattano i vitalizi per i parlamentari. La stessa cosa ha detto Danilo Toninelli, onorevole M5S, in un’intervista a Repubblica: “Il 24 settembre va bene” come election day “se si approva la legge Richetti sull’abolizione dei vitalizi, altrimenti prima del 15 settembre, giorno in cui scattano le pensioni privilegiate dei parlamentari. Una buona data potrebbe essere domenica 10 settembre, due giorni dopo il decimo anniversario del primo V-Day”.
vitalizi 14 settembre
La stessa cosa hanno detto altri parlamentari del MoVimento 5 Stelle come Luigi Di Maio: “Se faranno partecipare il M5S alla stesura della legge elettorale, abbiamo la certezza che si andrà a votare il prima possibile e io propongo il 14 settembre, il giorno prima che i parlamentari maturino la pensione”. Ma in realtà non è vero niente. I parlamentari uscenti restano in carica fino al giorno in cui si insedia il nuovo Parlamento e in genere servono due settimane, dopo il voto, per l’insediamento (il termine tassativo è entro 20 giorni), per cui se anche si votasse il 10 settembre, come suggerisce Grillo, i parlamentari scavalcherebbero comunque il termine del 15 settembre che fa scattare i 4 anni, sei mesi ed un giorno.
vitalizi boeri luigi di maio
I membri del Parlamento precedente, restando in carica, ricevono dunque le indennità, pagano i contributi e maturano la pensione anche nel tempo intermedio. In base all’articolo 61 della Costituzione, poi, “la prima riunione [delle nuove Camere ndr] ha luogo non oltre il ventesimo giorno dalle elezioni“. Quindi bisognerebbe votare ad agosto per non far scattare alcuna indennità.

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente