Cultura e scienze

Parlare di Volkswagen senza sapere che non si scrive Wolkswagen

Da quando è scoppiato lo scandalo Volkswagen molta gente su Facebook e Twitter non ha rinunciato a dare la propria opinione sul tema, spesso scrivendo “Wolkswagen” in luogo di “Volkswagen”. Ora Luca Telese su Libero ci dimostra che “il nome della Rosa” non è roba soltanto da social network: nell’articolo che verga sul tema riesce a sbagliarlo per tre volte su tre (qui vedete le prime due) nonostante il titolista scriva correttamente il titolo (e un’occhiata all’articolo potevate pure darla, neh?):
volkswagen wolkswagen
Naturalmente anche l’articolo sul cartaceo di ieri mostra lo stesso errore:
telese wolkswagen volkswagen
Una svista? Se si va a leggere l’incipit del pezzo “Il lupo contro la mela” (ovvero Volkswagen contro Apple) si fatica a capire cosa stia dicendo Telese. Da dove salta fuori il lupo? Ovviamente da Wolfsburg, la città dove ha sede la Volkswagen. Se però come Telese credete che si scriva Wolksvagen potete anche pensare all’assonanza Wolk-Wolf (che in tedesco si scrive come in inglese e non con un’improbabile kappa), ovvero lupo. Non è che per caso Telese pensa che invece che “auto del popolo” la casa autombolistica tedesca si chiami “auto del lupo”? In fondo qualche anno fa la Volkswagen aveva messo in commercio un modello chiamato appunto Lupo. E come non ricordare che la VW è stata fondata per volere di Hitler, e dove abitava il Fuhrer? Nella Tana del Lupo.
E ovviamente Telese non è mica una mosca bianca:
wolkswagen 1