Opinioni

I senatori grillini hanno scoperto il complotto di Palermo-Empoli!

«Dobbiamo dimostrare perché nel calcio il business ha ucciso lo sport», diceva sicuro il senatore Giovanni Endrizzi in un video postato da Nicola Morra su Facebook. Per le squadre che retrocedono è previsto un ammortizzatore economico, spiegava Endrizzi il 24 maggio, e quest’anno Palermo e Pescara sono già retrocessi mentre l’ultimo posto se lo contendono Empoli e Crotone divisi da un solo punto. Spiega Endrizzi: ci sono 60 milioni di euro a disposizione in base all’anzianità, ovvero a quanto il retrocesso è rimasto in serie A. Secondo questo schema, al Palermo andrebbero 25 milioni, al Pescara 10 e, in caso di retrocessione dell’Empoli, 25 anche ai toscani. Se invece retrocede il Crotone, ai calabresi vanno 10 milioni e i restanti 15 diventano un secondo ammortizzatore per chi non viene subito ripromosso. È evidente, dicono gli ispettori Endrizzi e Morra, che c’è pastetta visto che nell’ultima di campionato si gioca Palermo-Empoli: ai siciliani conviene perdere per assicurarsi il secondo paracadute eventuale.

Hanno “scoperto” qualcosa i senatori grillini? In realtà no, visto che la storia della mutualità e degli ammortizzatori girava sui giornali da giorni. I grillini, come sempre, hanno letto i giornali – quelli che disprezzano – e hanno così trovato le informazioni per il loro video che immaginava un complotto del Palermo: “Dobbiamo DIMOSTRARE perché nel calcio il business ha ucciso lo sport», diceva Endrizzi. “Dimostrare”: nessuna ipotesi, solo certezze.
palermo empoli
E infatti cosa succede? Succede che invece il Palermo batte l’Empoli fregandosene dei calcoli e la contemporanea vittoria del Crotone contro la Lazio manda in B i toscani. Ovvero, accade l’esatto contrario di quello che sarebbe convenuto “al business del calcio”, come diceva Endrizzi. E nei commenti al video per nulla vaticinatore si scatena lo sfottò ai due maghi do Nascimiento:
palermo-empoli
EDIT: Anche il sottosegretario allo Sport Luca Lotti su Facebook sfotte Endrizzi e Morra:

Caro senatore Endrizzi, in un video da lei postato su Facebook alcuni giorni fa – insinuando fantomatiche irregolarità – poneva questa domanda: “Allora, come finirà Palermo Empoli?”, affermando così subdolamente che avrebbe senza dubbio vinto la squadra toscana alla luce delle norme sugli indennizzi economici in caso di retrocessione. Ecco, senatore, la partita è finita 2-1 per il Palermo. Tutto il suo video si è dimostrato essere una inutile, squallida, vergognosa bugia. L’ennesima fake news in salsa grillina totalmente smentita dalla verità dei fatti. Ormai, purtroppo, ci siamo quasi abituati al fatto che è questo il vostro modo di fare politica: insinuare complotti con menzogne, allusioni e accuse infondate. Ma stavolta, caro senatore Endrizzi, ha superato il limite. Perché ha messo in dubbio la regolarità del campionato di Serie A, ha accusato il Governo di non si sa quale incapacità di controllo, ma sopratutto lei ha offeso gli sportivi e i tifosi, direi che ha offeso tutti gli italiani, tutte quelle persone che vivono con onestà e dignità la propria vita. E, al contrario di quello che voi credete, sono la stragrande maggioranza dei cittadini. Visto tutto questo, penso che l’unica cosa saggia che possa fare non è cancellare il suo video ma avere un sussulto di dignità e chiedere scusa. Sì, chiedere scusa agli italiani e a tutto il mondo del calcio. Perché lei non è solo un esponente politico del M5S, ma è anche un rappresentante delle Istituzioni di questo Paese. Ognuno di noi può dire quello che pensa, ovviamente, ma deve sapersi assumere la responsabilità delle proprie parole: ancor di più se a pronunciarle è un politico. Se quel video fosse stato fatto da un parlamentare del Pd oggi il M5S avrebbe passato la giornata a chiederne le dimissioni: e devo ammettere che forse per un attimo sarei stato tentato di essere (per una volta) d’accordo con voi.