Cultura e scienze

Orso Saggio: così il padre di Renzi torna su Facebook

Tiziano Renzi, padre di Matteo Renzi ancora indagato per bancarotta fraudolenta in relazione al fallimento della CHIL POST SRL, torna su Facebook con lo pseudonimo di Orso Saggio. Ne parla David Allegranti oggi sulla Stampa: dopo l’addio al social network in seguito alla polemica con Piero Pelù per le frasi del cantante sul figlio, Tiziano si è rifatto un profilo dal quale sponsorizza viaggi a Medjugorie e supporta il figlio nella battaglia per cambiare verso all’Italia.
tiziano renzi orso saggio
Tiziano condivide foto dalla pagina del Pellegrino di Padre Pio, aggrega un intervento alla Leopolda dopo l’altro e se la prende con i sindacati che vogliono fermare il figlio. La Stampa racconta come ha preso la storia dell’indagine:

Il 18 settembre, quando è uscita la notizia dell’indagine per bancarotta fraudolenta, ha pubblicato una eloquente vignetta dei Peanuts: «La calma è la virtù di chi non è coinvolto». Recentemente, in occasione della Leopolda, quando sono uscite le prime notizie – e relative polemiche– sui soldi raccolti per finanziarla, Orso Saggio si è lamentato non poco: «Qualcuno ha aggiunto uno zero.Duecentomila euro di un evento privato son diventati 2 milioni. Nessun stupore. Hanno gestito un partito creando voragini di debiti ingiustificate ed ingiustificabili, togliendo ai territori ed ai circoli… Hanno la faccia tosta di chiedere conto a chi ha ripianato, in dieci mesi, i loro buchi di un evento privato solo perché questa volta non possono organizzar euna contromanifestazione pagata dal partito stesso». L’invidia, scrive Orso Saggio, è «una brutta bestia. Mi sovviene che non è più reato invitare pedagogicamente ad un’azione conseguente…Indirizzandoli cordialmente tutti a fare… Un bagno».

Leggi sull’argomento: Chil Post SRL e Gianfranco Massone: perché Tiziano Renzi è indagato per bancarotta fraudolenta