Fatti

Il tribunale di Mosca ha condannato Alexey Navalny per "frode su larga scala"

neXt quotidiano|

Navalny

È rinchiuso in un carcere russo da oltre un anno, accusato e condannato per diversi reati. E ora Alexey Navalny, il principale oppositore politico di Vladimir Putin, è stato giudicato colpevole anche di “frode su larga scala”. Lo ha detto, leggendo la lettura della sentenza di condanna, la giudice del tribunale Lefortovo di Mosca Margarita Kotova. E non è finita. Perché il dissidente russo è accusato anche di altro, come gli accade da anni.

Navalny condannato dal tribunale di Mosca per “frode su larga scala”

Secondo la Corte di Mosca – al termine dell’udienza che si è tenuta nel carcere di Pokrov, dove è rinchiuso dal gennaio del 2021 – Navalny si è reso protagonista di una frode su larga scala. In che senso? La giudice motiva così questa indicazione:

“Ovvero ha rubato la proprietà di altre persone con l’inganno e violato la fiducia”.

E i casi, secondo la giudice del tribunale della capitale russa, sarebbero almeno quattro. In pratica, dunque, il dissidente russo è stato accusato e condannato per “appropriazione indebita”. Si fa riferimento, secondo le accuse, a un presunto “furto” di circa 4,1 milioni di euro di donazioni fatte alla sua fondazione, la FBK, che si batteva contro la corruzione politica.

Ancora non si conoscono i dettagli di questa condanna che, probabilmente, si sommeranno a tutti gli altri anni di detenzione che il principale oppositore di Putin ha accumulato e accumulerà. Anche perché è già stato condannato a tre anni e mezzo di carcere (e per questo sta scontando la sua pena detentiva a Pokrov, pochi chilometri fuori da Mosca) per aver violato la libertà vigilata. Perché la scorsa settimana, come spiegato da AdnKronos, la Procura di Mosca aveva chiesto una condanna a 13 anni di carcere e una sanzione di circa 1,2 milioni di rubli (circa 9.500 euro) nei suoi confronti. E ora, secondo l’agenzia Interfax, il tutto potrebbe essere condito anche dalla valutazione (con condanna) di oltraggio alla Corte.

(IPP/Kommersant/Gennadiy Gulyaev)