Opinioni

“Mo’ Salvini dice di essere minacciato?”: lo sfottò di Gigi Proietti al “Capitano”

“L’arte italiana perde oggi uno dei più grandi, un attore straordinario, un poliedrico gigante di bravura e simpatia. Se ne va nel giorno in cui era nato 80 anni fa, nella sua Roma, un ultimo colpo di teatro. Ci mancherà il suo sorriso.‬ ‪Addio Gigi, una preghiera e un abbraccio commosso ai suoi cari”: Matteo Salvini pubblica un post sulla morte di Gigi Proietti. Non è una novità anche perché, purtroppo, è il tema di questa mattina.

gigi proietti morto salvini

 

Il leader della Lega però avrebbe potuto ricordare anche come l’attore aveva liquidato con una battuta ricca di sarcasmo le affermazioni del “Capitano” che quando è stata data la scorta a Liliana Segre oggetto di minacce sui social network aveva replicato che anche lui ne era vittima: “Le minacce, da parte di chiunque, sono gravissime. Quelle che io quotidianamente ricevo, quelle contro la Segre, contro Salvini e contro chiunque sono gravissime” aveva spiegato Salvini. E Proietti a AdnKronos ironicamente replicava  “Mo’ Salvini dice di essere minacciato? Diamo la scorta pure a Salvini così è contento!”. In maniera più seria poi aggiungeva: “Forse ci siamo distratti – prosegue Proietti – è da tempo che in questo paese ci sono segnali strani, direi inquietanti. Spesso le dichiarazioni di persone che dovrebbero rappresentare il popolo sono preoccupanti. Io se parlo, parlo per me mentre i politici parlano per i propri elettori e questa cosa è molto preoccupante”. Proietti era un maestro anche nel non regalare troppa importanza a chi non se la merita. A lui bastava una battuta delle sue, fatta bene, per far capire l’assurdità di certe parole.