Politica

Matteo Salvini è il più grande assenteista del Comune di Milano (ma allo stadio ci va)

matteo salvini consiglio comunale milano assenteista

Forse non tutti sanno che Matteo Salvini, leader della Lega Nord e Parlamentare Europeo è anche consigliere del Comune di Milano. Alle amministrative del 2016 infatti Salvini si era candidato al Consiglio Comunale per sostenere la corsa del candidato del Centrodestra Stefano Parisi. Anche se Parisi non è stato eletto sindaco Salvini è riuscito lo stesso ad entrare in Consiglio, ma guardando i dati pubblicati sul sito del Comune apprendiamo che Salvini, così come a Bruxelles, a Palazzo Marino non ci va molto spesso.

matteo salvini consiglio comunale milano assenteista
Il libro in cui Matteo Salvini illustra l’unico metodo funzionante per fare politica senza andare in Aula

Chi l’ha visto Salvini a Palazzo Marino?

Un comune mortale potrebbe pensare che Matteo Salvini, in quanto europarlamentare non ha il tempo per prendere parte alle sedute del Consiglio Comunale, ma visto che all’Europarlamento (e alle sedute delle Commissioni) Salvini non partecipa in modo assiduo sappiamo che non è così. Il tempo per andare in Consiglio Comunale, giusto per rispetto nei confronti di quelli che l’hanno votato Salvini ce l’avrebbe, in fondo Milano è la sua città ed è proprio da Milano che nel lontano 1993 è partita la sua avventura politica. Salvini è stato consigliere comunale per dieci anni, fino al 2013 quando si è dimesso dalla carica. Eppure se guardiamo l’elenco delle presenze in Aula scopriamo che Salvini ha preso parte ad appena 14 sedute su 31, pari al 45,16%. Meglio di lui tutti gli altri consiglieri comunali a partire da altri due assenteisti di grido: Mariastella Gelmini (16 presenze) e Stefano Parisi (18). Non va meglio se guardiamo un altro dato, ovvero l’elenco delle presenze dei consiglieri comunali alle votazioni. Su un totale di 199 votazioni Salvini ha partecipato a solo 30 votazioni (pari al 15,08%), il che lascia intendere che anche quando Salvini si è recato in Consiglio è probabile che non ci sia rimasto fino alla fine della seduta. Non è dato invece di sapere – perché non ci sono dati – a quante riunioni della Commissione Periferie il leader della Lega Nord abbia preso parte. Ed è una magra consolazione sapere che se non altro Salvini non percepisce il gettone di presenza per le – poche – partecipazioni alle sedute e si deve accontentare di farsi bastare lo stipendio da eurodeputato (8.213,02 lordi al mese). Non lo fa certo per bontà sua, ma in virtù dell’articolo del Testo Unico sugli Enti Locali che stabilisce il divieto di cumulo degli emolumenti per i parlamentari europei che sono anche consiglieri comunali.
matteo salvini consiglio comunale milano assenteista

Matteo Salvini si guarda il Milan gratis

Ma non è finita qui, perché stando a quanto ha raccontato Patrizia Bedori (M5S) oggi al Fatto Quotidiano Matteo Salvini, così come altri consiglieri indipendentemente dal loro partito di appartenenza (ad eccezione dei portavoce del MoVimento che hanno deciso di rinunciarvi) usufruisce dei biglietti gratis previsti per alcuni eventi che si svolgono a Milano, ad esempio le partite e i concerti a San Siro oppure per le rappresentazioni teatrali al Teatro alla Scala. Secondo la Bedori Salvini ha ritirato 10 biglietti sui 44 a disposizione dei consiglieri per gli eventi a San Siro. Salvini non ha rubato niente a nessuno perché appunto i biglietti sono messi a disposizione dei consiglieri in base ad una convenzione stipulata tra il Comune e la società che gestisce lo stadio. C’è da dire che Salvini è in buona compagnia e che l’assenteista Gelmini è riuscita a fare meglio, ritirando 44 tagliandi su 44 (così come hanno fatto anche consiglieri di Lega e della Lista Sala).

Hanno rinunciato anche il sindaco Giuseppe Sala e tre consiglieri Pd (Carlo Monguzzi, Lamberto Bertolè e Milly Moratti). Ma tutti gli altri, di destra e di sinistra, li hanno presi, invece.
Mariastella Gelmini di Forza Italia e Alessandro Morelli della Lega hanno ritirato 44 biglietti su 44. Matteo Salvini 10 biglietti, Stefano Parisi 4. E 44 partite su 44 se le sono viste gratis anche Marco Fumagalli, Franco D’Alfonso ed Enrico Marcora, della lista Sala.

Negli anni scorsi i biglietti erano assegnati automaticamente, quindi un consigliere poteva utilizzare anche la scusa di “non voler sprecare” i biglietti. La giunta Pisapia però è intervenuta nel 2012 a regolare l’emissione dei biglietti, che da qualche tempo sono nominali e quindi non cedibili, e soprattutto vanno richiesti. Questo significa che Salvini, che non ha il tempo per andare a Bruxelles a votare o per fare lo stesso in Consiglio Comunale a Milano riesce in ogni caso a trovare il modo di richiedere i biglietti e andare a San Siro. Chissà quante cose potrebbe fare questo fantastico ragazzo se solo non venisse quotidianamente sequestrato negli studi televisivi e i giornalisti lo lasciassero lavorare.