Opinioni

Mario Adinolfi dice che lascia Facebook (per colpa di Welcome to Favelas)

Mario Adinolfi dice che lascerà Facebook. E in un post chilometrico di cui vi risparmiamo anche la sintesi perché fa caldo spiega i motivi che lo costringono a questa scelta, tra i quali ne spicca uno: quello in cui se la prende con una pagina Facebook chiamata Welcome to Favelas.

Addio perché ieri due ragazzini imbecilli mi hanno di nascosto scattato foto con il cellulare mentre ero con Clara perché una pagina con 400mila followers, Welcome to Favelas, ha dato l’ordine di fotografarmi in ogni situazione io sia incontrato e l’idea che potessero rubare una immagine della mia piccola e metterla in quella oscena porcilaia mi ha fatto andare il sangue al cervello e spero che il Signore mi perdoni perché i due ragazzini hanno passato un brutto quarto d’ora.
La magistratura però su uno stalking di questa natura e di questa violenza (letteralmente non posso uscire di casa senza senza essere fotografato ovviamente cercando la posa più goffa possibile, a ogni ora del giorno e della notte) dovrebbe agire o almeno la polizia postale. Segnalata la situazione a Facebook ho ovviamente ottenuto la risposta che “la pagina rispetta gli standard della comunità”. Il simbolo del Popolo della Famiglia invece no e ha causato dieci giorni di ban. E allora, se i criteri sono questi, Facebook addio.

mario adinolfi facebook welcome to favelas
L’«addio» di Adinolfi su Facebook

Dalla – come sempre – confusa narrazione di Adinolfi parrebbe di capire che sia stato dato addirittura un ordine di fotografarlo da una pagina Facebook – impossibile, ovviamente – e che uno di questi scatti, quello che ha fatto arrabbiare il leader del PDF, sia stato fatto con la figlia piccola. Adinolfi poi straparla di azioni della magistratura e della polizia postale, senza però fare sapere la cosa più importante: ovvero se ha per caso presentato esposti o denunce-querele per dare modo a giudici e forze dell’ordine di agire (eventualmente). E questo ci fa pensare che non l’abbia fatto, vista la sua naturale tendenza a rimanere nel vago quando si tratta di atti concreti. Ma soprattutto, una volta aperta la pagina Facebook Welcome to favelas ci si aspetta che da quelle parti si stia facendo qualche baccanale satanico e orgiastico sulla pelle dell’Adinolfi, come minimo. E invece la prima cosa che si legge sul tema è il comunicato di qualcuno che non sembra essere stato molto intimidito dalle uscite del Nostro, come se conoscesse il tipo.
mario adinolfi facebook welcome to favelas 1
La risposta di Welcome to Favelas ad Adinolfi

Non solo. Scorrendo le fotografie pubblicate dalla pagina in primo luogo non si trova traccia delle foto di Adinolfi con la figlia (e se fossero state pubblicate Adinolfi avrebbe avuto tutte le ragioni di arrabbiarsi), ma si scopre che gli scatti aggregati su Facebook, alcuni provenienti dal web e altri fatti evidentemente da qualcuno che li ha poi inviati, non sembrano proprio frutto di un’azione di stalking. Sembrano la classica paparazzata nei confronti di un personaggio famoso, ritratto nei suoi tratti fisici peculiari e nel momento in cui non fa nulla di particolarmente sconvolgente. Che cosa ci sia di illegale o di deplorevole in tutto ciò Adinolfi deve ancora spiegarlo.

Le foto, oltre a non avere nulla di violento, sono tra l’altro piene di commenti scherzosi che Adinolfi, notoriamente per nulla rosicone, dovrebbe apprezzare. Se invece ne trova di tanto offensivi, e se davvero ci tiene a tutelare la sua onorabilità portando in tribunale qualcuno che ha scritto un commento su Facebook, è padronissimo di farlo. D’altro canto ne girano talmente tante anche in altri luoghi che la caccia sarà piuttosto complicata: ormai è diventato un meme.
mario adinolfi facebook welcome to favelas 6
Ma quello che Adinolfi finge di non capire è che questo tipo di atteggiamento nei suoi confronti è molto simile ai metodi e ai modi che da anni utilizza per pubblicizzare i suoi argomenti (e la sua persona, di rimando): a forza di urlare è facile che trovi qualcuno che ti urli contro. Anche perché la qualità dei suoi argomenti è talmente bassa che soltanto alzando i toni può sperare di emergere. E così, tutta questa sceneggiata con tanto di miliardesimo annuncio di abbandono di qualcosa (facebook, i social network, la politica etc) sembra soltanto un altro tentativo di mettersi ancora di più sotto i riflettori. Per poi lamentarsi dei flash.