Trend

I manifestanti russi anti-Putin che cantano "Zombie" dei The Cranberries mentre la polizia li porta via | VIDEO

neXt quotidiano|

zombie cranberries manifestanti russi cantano arrestati

Nelle intenzioni di Dolores O’Riordan, cantante del gruppo musicale irlandese “The Cranberries” scomparsa prematuramente nel 2018, gli “Zombie” che danno il titolo a una delle canzoni più famose della band sono “coloro che non vedono, ormai assuefatti come dei morti viventi, l’insensatezza della violenza senza fine capace di “spezzare il cuore di un’altra madre”. Il brano fu scritto nel 1993 durante il tour inglese della band in memoria di due ragazzi, Jonathan Ball e Tim Parry, rimasti uccisi in un attentato di quell’anno dell’IRA a Warrington, in Inghilterra.

I manifestanti russi anti-Putin che cantano “Zombie” dei The Cranberries mentre la polizia li porta via | VIDEO

Denuncia gli orrori della guerra, nomina carri armati e bombe, e non è un caso che alcuni manifestanti russi catturati dalla polizia del Cremlino per aver protestato pubblicamente contro il conflitto voluto da Putin in Ucraina l’abbiano cantata a bordo del mezzo che li stava portando via.


Il video è stato postato da Independent Digital Reporters Agency, un’agenzia che sta raccogliendo diverse testimonianze video di quanto accade in Ucraina dal 24 febbraio, giorno dell’invasione dell’esercito russo. Non è chiaro da quale delle 50 città che sono diventate teatro delle manifestazioni anti-Putin i manifestanti del filmato provengano, quello che conta è il loro inno a una Russia diversa, che sembra sempre più possibile a giudicare da quanti stanno sfidando il regime per manifestare pacificamente. Alla fine della giornata di ieri erano 1.700 le persone fermate a Mosca e detenute – secondo un portavoce della polizia – sulle circa 2.500 scese in piazza. Secondo Ovd-Info, associazione russa che lavora come osservatorio dei diritti umani, gli arrestati sono stati in totale 4.500 contando tutte e 50 le città russe coinvolte.