Opinioni

Le Olimpiadi a Milano se Roma dice no?

Il piano B del governo per Roma 2024 è appena scomparso. Ieri sui giornali si favoleggiava di un tentativo di aggirare il no della Giunta Raggi alle Olimpiadi nella Capitale che prevedeva l’ok del governo al posto di quello dell’amministrazione capitolina: un modo per aggirare il parere negativo della sindaca Virginia Raggi, già ampiamente dato in più occasioni e ribadito anche di recente. Invece il governo starebbe pensando di costruire una candidatura per Milano, che però non potrebbe arrivare prima del 2028 e potrebbe anche slittare al 2032:

Perso lo slot del 2024, visto che ormai non è più possibile avanzare l’opzione Milano per le Olimpiadi che si celebreranno tra otto anni (le candidature ormai sono chiuse), il governo è intenzionato a far correre la città meneghina per l’organizzazione dei Giochi olimpici del 2028. Ma se ad aggiudicarsi le Olimpiadi del 2024 fosse Parigi, per rispettare il criterio di alternanza tra i vari continenti, la candidatura di Milano slitterebbe al 2032. E’ infatti consuetudine che ogni edizione dei Giochi si svolga in un continente diverso dall’ultimo che li ha ospitati. E siccome quest’anno si sono svolti in Brasile, per forza di cose – se l’edizione del 2024 venisse celebrata a Parigi – quella successiva del 2028 presumibilmente si svolgerà in Asia o in Africa. Dunque l’Europa (e Milano) dovrebbero attendere il 2032. Sedici anni da oggi. Cade quindi l’ipotesi, circolata nelle ultime ore, di un commissario di governo – in forza dell’interesse nazionale – che al posto del Campidoglio confermi la candidatura.

virginia raggi olimpiadi a roma 1
Quindi l’affarone delle Olimpiadi a Roma potrebbe diventare l’affarone delle Olimpiadi a Milano:

Ed evapora anche quello che è stato definito il “Piano B”: la presentazione venerdì 7 ottobre prossimo al Comitato olimpico internazionale (Cio), da parte di Palazzo Chigi, del documento che perfeziona la candidatura olimpica di Roma. Una forzatura che il governo preferisce evitare anche perché probabilmente infruttuosa: il Cio ha sempre preteso il via libera, non solo del governo, ma anche dell’amministrazione della città candidata ad ospitare i Giochi. C’è chi dice che la mossa dell’esecutivo a favore di Milano possa essere un modo per accentuare il pressing sulla Raggi. E per convincerla a rivedere il suo rifiuto. Ma questa ipotesi non trova conferme dalle parti del governo: la linea dura è definita sincera.

virginia raggi olimpiadi a roma
Olimpiadi a Roma: le tappe della candidatura (Corriere della Sera, 28 agosto 2016)

Leggi sull’argomento: Il piano per le Olimpiadi a Roma all’insaputa della Raggi