Fatti

La Lazio di Lotito e il fiocco giallo per i marò

La Lazio di Claudio Lotito, in prima linea per sensibilizzare l’opinione pubblica in favore dei marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone trattenuti in India, sarà protagonista di una iniziativa con i giocatori che testimonieranno il loro impegno esibendo l’ormai famoso fiocchetto giallo per i marò liberi. «E’ un’iniziativa che facemmo già due anni fa – ha spiegato Lotito in un’intervista a Il Tempo – sono stato il primo in Italia. Inizieremo la prossima settimana di campionato. I particolari li dobbiamo ancora concertare, vogliamo, in pratica, giocare con il fiocco», conclude Lotito con il quotidiano romano. Anche se i tweet non sono tutti entusiastici:


LOTITO E I MARO’ – Cosa significano per il numero uno laziale e per la squadra i due marò? : «Innanzitutto ci deve essere il rispetto per chi rappresentano. In questo momento a livello internazionale abbiamo perso una forza contrattuale. Noi abbiamo uno spirito di accoglienza e non mi sembra che questo spirito alberghi in altri paesi. I due marò sono stati trattati come dei delinquenti comuni, in realtà non lo sono. L’imputazione nei loro confronti è molto grave. Non tutti hanno il mio impegno per i marò? Io ritengo sia un obbligo civico. Non a caso a livello calcistico il presidente Tavecchio ha posto un problema: chi rappresenta l’Italia deve sentirsi un brivido nella schiena. E chi rappresenta il nostro Paese deve avere l’orgoglio dell’appartenenza, di rappresentarlo, ma anche la tutela nel momento in cui opera nell’interesse del Paese». «I maro’ – prosegue Lotito – sono stati seguiti, ma non tutelati al cento per cento, e la prova è che ancora non siamo riusciti a portarli a casa. L’Italia non si e’ fatta sentire abbastanza o sono stati gli indiani troppo duri? Non conosco le trattative e non posso esprimere giudizi, una cosa è certa: se fosse capitato a un altro Paese, per fare due esempi Israele e la Germania, probabilmente questo non sarebbe accaduto».
GLI APPLAUSI DI LARUSSA E COMI – «Da sempre sostengo che tutto il ‘sistema Italia’ possa e debba fare di più per i due marò trattenuti ingiustamente in India», dice Ignazio La Russa, deputato di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale. «Plaudo pertanto convintamente alla decisione del presidente della Lazio Claudio Lotito di testimoniare vicinanza a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre facendo giocare la propria squadra con il fiocco giallo – aggiunge – Rinnovo infine il mio appello a tutte le curve affinché sin dalla prossima giornata di campionato, dimostrino anche loro con cori, striscioni o qualche minuto di silenzio, la solidarietà e la vicinanza ai due fucilieri. Non c’e’ più tempo da perdere: occorre rispondere tutti insieme e velocemente all’appello lanciato da Giulia», conclude.
La discussione su Twitter:


Foto di copertina da Twitter