Opinioni

L’audio del colloquio tra Federico Capurso e Berdini (sì, quello che non c’era mai stato)

Non per accanirsi, per carità, ma giusto per far rendere conto delle mani in cui si trova l’assessorato all’urbanistica di Roma pubblichiamo l’audio della Stampa che riporta il colloquio tra il giornalista Federico Capurso e Paolo Berdini. L’assessore stamattina a Rainews aveva detto di non aver parlato con nessun giornalista ma con amici e che il colloquio era stato “rubato” . Nel pomeriggio aveva corretto il tiro affermando che la persona con cui aveva parlato non si era presentato come giornalista. Berdini aveva anche detto di non conoscere Paolo Ielo, mentre nell’articolo della Stampa si affermava che lui lo conoscesse. Nell’audio pubblicato dalla Stampa si parla proprio di Paolo Ielo.

Anche se prima si discute d’altro: “Mica è finita la musica, dopo ‘sta cosa de l’Espresso tra tre giorni ne esce un’altra… No guarda, è una situazione che trovo esplosiva”. E ancora: “Tra la Raggi e Romeo c’è un rapporto [non udibile] Questo io l’ho scoperto il secondo o terzo giorno… va bene, io sono un uomo generoso, ti porto a letto… Questa donna che dice che lei non sapeva niente (delle polizze)? Ma a chi c…o la racconta? Per fortuna che non c’è nessun reato… E lei era pure già separata… vada a letto con chi c… gli pare!”. In alcune parti il colloquio è incomprensibile. In altre Berdini si sente benissimo: «Se lei si fidasse delle persone giuste… lei s’è messa ‘sta corte dei miracoli…mettiti il meglio del meglio di Roma! Invece s’è messo una banda». «Otto ore di interrogatorio! Che c…o! Cioè io sono amico della magistratura però… Perché io poi lo so che questi quanno te pizzicano… Paolo Ielo è una persona bravissima, io lo conosco personalmente». Prima della fine dell’audio si sente Capurso dire che è un collaboratore (precario) della Stampa. È quindi confermato: Berdini sapeva di stare parlando con un giornalista.

Leggi sull’argomento: Quello che non torna nelle dimissioni respinte di Berdini