Opinioni

La squadra di calcio multata per i cori contro Salvini

Il Gazzettino racconta oggi la storia di una squadra di calcio multata perché i suoi tifosi hanno cantato cori contro Matteo Salvini. La Polisportiva San Precario, che milita nella terza categoria padovana ed è dotata di una pagina facebook, ha ricevuto un’ammenda di 150 euro «per comportamento canzonatorio e oltraggioso del pubblico nei confronti di un partito e di un personaggio politico italiano, con invito alla società ad intervenire affinché detti cori non si ripetano». I cori in questione sono quelli rivolti principalmente contro la Lega e il suo leader Matteo Salvini. La sanzione del giudice sportivo è stata pubblicata nel comunicato di ieri pomeriggio.

Il presidente Roberto Mastellaro allarga le braccia e difende i sostenitori. «Abbiamo una tifoseria molto calorosa, un caso rarissimo in questa categoria. Solitamente i cori  sono sempre per i nostri giocatori – spiega – ma a volte capita che qualcosa sfugga di mano. È capitato di fare cori contro Salvini e Bitonci oppure contro Renzi, ma una cosa mi preme dirla. Non sono mai cori offensivi, non ci sono mai stati insulti. Non so e non ricordo che tipo di coro sia stato fatto domenica, ma di certo è stato un coro goliardico. Magari non simpatico, ma nulla più».

san precario

Il presidente, in ogni caso,non rinuncia ad una polemica: «Un’ammenda di 150 euro mi sembra davvero esagerata, nemmeno per i cori razzisti a volte si vedono multe del genere. In ogni caso -aggiunge – noi siamo impegnati da anni sui temi dell’inclusione, dell’accoglienza e dell’antirazzismo. È normale quindi che a volte goliardicamente può capitare di prendere di mira chi secondo noi non rispetta certi valori».

Leggi anche: Dario Franceschini e quello scorpione di Renzi