Trend

La splendida risposta di Damiano dei Måneskin a Emma Marrone sul sessimo

Nel 2014, quando partecipò all’Eurovision “si parlò solo degli shorts d’oro che spuntavano sotto l’abito” -ha detto- sottolineando il diverso trattamento rispetto a Damiano.

“Venni massacrata: si parlò solo degli shorts d’oro che spuntavano sotto l’abito e delle mie movenze. Ora che Damiano dei Maneskin si presenta a torso nudo e con i tacchi a spillo va bene: è evidente che c’è sessismo”. Queste parole le aveva pronunciate alcuni giorni fa Emma Marrone. Il riferimento è a quando nel 2014 partecipò all’Eurovision con “La mia città”. Non fu proprio un successo: 21esimo posto in classifica. Ma, come ha sostenuto lei, “si parlò solo degli shorts d’oro che spuntavano sotto l’abito e delle mie movenze”. Mentre per Damiano dei Maneskin -che quest’anno ha fatto conquistare all’Italia il podio dopo 31 edizioni- non è stato adottato lo stesso criterio: il suo look (e di tutta la band) non ha sorpreso, e anzi (giustamente) è piaciuto molto.

La risposta di Damiano dei Maneskin a Emma Marrone

Dopo qualche giorno ecco che arriva la risposta di Damiano dei Maneskin. In una intervista a Vanity fair il frontman della band rock dà ragione a Emma Marrone.

Il giudizio facile contro il femminile è più feroce, costante, svilente (se io faccio tanto sesso sono un figo e Vic (la bassista della band) una puttana, dove io mi mostro forte sono un leader e Vic  una dispotica e rompipalle, che ha successo perché è bona). Da maschio sono privilegiato, le molestie che subisco non sono paragonabili a quelle che vive una donna, i commenti sulla mia estetica sono incentrati solo sulla mia estetica e non vanno a insinuare nulla sulla mia professionalità e la mia competenza, mentre le donne sono vittime di questo tipo di pensiero in maniera sistemica. Ma mi è successo di ritrovarmi dal niente con una che tirandomi a sé per un selfie mi ha iniziato a leccare la faccia… ma che vuoi, me l’hai chiesto? Il consenso esiste, ed è doveroso.