Attualità

La sentenza del caso Vatileaks

francesca chaouqui sesso balda

Assolti Nuzzi e Fittipaldi, condannati monsignor Balda e Francesca Chaouqui rispettivamente a 18 e dieci mesi (per lei pena sospesa): arriva la sentenza del tribunale del Vaticano per il caso Vatileaks, che aveva turbato il Giubileo e che riguardava una “fuga” di documenti segreti che erano stati alla base dei due libri di Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi. Anche Maio è stato assolto.

La sentenza del caso Vatileaks

La vicenda riguarda il”travaso” di documenti vaticani finiti su articoli di stampa e in particolare nei due libri ‘Via Crucis’ e ‘Avarizia’ di Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi. “Travaso” le cui responsabilità erano state attribuite agli ex componenti della Commissione Cosea sulle finanze della Santa Sede, monsignor Lucio Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaouqui, e al segretario esecutivo Nicola Maio, come membri della presunta “super-commissione ombra” o “segreta” la cui finalità per gli inquirenti vaticani sarebbe stata proprio quella di raccogliere carte riservate e passarle ai giornalisti. Sono comunque cadute le accuse relative all’associazione nel processo Vatileaks che si conclude con le due condanne di Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaouqui (per concorso in divulgazione, pena quest’ultima sospesa per 5 anni). Assolto invece Nicola Maio, il funzionario della Cosea, per non aver commesso il fatto, e prosciolti giornalisti Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi per incompetenza del Tribunale, essendo essi cittadini italiani che mai hanno compiuto azioni di nessun tipo in Vaticano. La Chaouqui era stata all’inizio rilasciata per aver collaborato alle indagini e perché era incinta: sempre lei era finita in un’altra indagine insieme al marito Corrado Lanino.

patrimonio vaticano
Il patrimonio del Vaticano nel mondo

La sentenza è stata emessa dopo circa cinque ore di camera di consiglio.

Leggi sull’argomento: Perché il Papa si è incazzato per due libri