Politica

La missione italiana in Libia verso lo stop

In atto un’escalation di attacchi, da una parte e dall’altra, che ha momentaneamente suggerito, anche ai nostri servizi presenti sul posto, di imporre una sorta di congelamento della missione

serraj

La missione italiana in Libia verso lo stop. Lo annuncia oggi il Corriere della Sera che scrive in un articolo a firma di Marco Galluzzo e Fiorenza Sarzanini che sia sul terreno che nell’area la situazione è incandescente e ai problemi legati alla sicurezza, ai corridoi diplomatici che i libici potranno e vorranno garantire, si aggiungono motivi di opportunità politica dopo i razzi lanciati, presumibilmente da forze armate legate ad Haftar (che però ha seccamente smentito un coinvolgimento) contro la caserma dei cadetti di Tripoli causando almeno 30 vittime e
l’immediata reazione dell’esercito di Serraj, che ha causato almeno tre vittime sull’altro fronte, e sarebbe stata condotta anche con l’utilizzo di un drone di fabbricazione turca.

Insomma è in atto un’escalation di attacchi, da una parte e dall’altra, che ha momentaneamente suggerito, anche ai nostri servizi presenti sul posto, di imporre una sorta di congelamento della missione, che avrebbe il compito di esprimere con una voce sola l’appello alla cessazione delle ostilità e alla scelta di un percorso diplomatico sul quale anche il segretario dell’Onu non si stanca di insistere.

missione italiana libia
La Libia oggi (Corriere della Sera, 6 gennaio 2020)

Di Maio ha avuto contatti anche con Serraj e con Bruxelles.

Questa sera dovrebbe incontrare a Roma Borrell e il collega tedesco Heiko Maas, ma a questo punto anche la cena rischia di saltare. «La situazione in completa evoluzione su diversi fronti, dalla Libia all’Iran e all’Iraq, non permette per il momento di fare nessuna programmazione sull’agenda dei prossimi giorni di Borrel», fanno sapere dall’Unione Europea. E su questa incertezza pesa anche l’atteggiamento della Francia che, pur avendo aderito alla missione comune, appare intenzionata a giocare una partita indipendente. Tanto da aver predisposto autonomi piani di volo.

Leggi anche: Rula Jebreal racconta perché è stata esclusa da Sanremo