Politica

La giunta di centrodestra del Piemonte taglia i fondi per le borse di studio

La giunta di centrodestra del Piemonte taglia i fondi per le borse di studio. L’ente guidato da Alberto Cirio di Forza Italia ha autorizzato a metà ottobre la spesa della metà dei 26,4 milioni di euro previsti a bilancio.

La giunta di centrodestra del Piemonte taglia i fondi per le borse di studio

L’assessore Tronzano, presente al dibattito in aula, per ora ha deciso di non spiegare la situazione di fronte al Consiglio. Dopo le proteste della minoranza, il consiglio è stato sospeso ed è stata convocata una riunione di maggioranza con i partiti che sostengono Cirio. A precisare la posizione della giunta è l’assessore alla scuola Elena Chiorino: “Gli studenti non saranno penalizzati poiché la riduzione del trasferimento regionale sarà compensata da un avanzo di amministrazione di Edisu di oltre 15 milioni”. Il bilancio regionale – spiega Chiorino all’ANSA – prevede 26 milioni di euro per le borse di studio: noi ne trasferiamo la metà a Edisu, questo perché Edisu è ente strumentale Regione e non dovrebbe avere avanzi bilancio. Invece ha avanzo di circa 15 milioni, usi quello”. “In un passaggio successivo – aggiunge Chiorino – valuteremo cosa succede, se ci sono inefficienze, e andremo a comprendere quali sono le questioni da migliorare. In Edisu c’è un avanzo importantissimo, pari a oltre il 50% del totale delle borse di studio, bisogna capire perché, un ente strumentale dovrebbe in pari”.

alberto cirio regione piemonte

“È un fatto gravissimo perché fino a ieri il presidente Alberto Cirio e l’assessore Elena Chiorino ci avevano garantito la copertura integrale delle 14 mila borse di studio della graduatoria degli idonei per l’anno accademico 2019/2020. Chiediamo immediate spiegazioni perché questo atto smantella un sistema virtuoso che la giunta Chiamparino era riuscita a ripristinare con uno sforzo importante nel bilancio” attacca il capogruppo di Luv, Marco Grimaldi. L’atto firmato dall’assessore al Bilancio Andrea Tronzano di fatto lascia già quest’anno scoperte 4 mila borse di studio sulle 14 mila idonee. “Edisu per quest’anno potrà in parte compensare le minori entrate con l’avanzo di amministrazione, ma questo consentirà di coprire solo una parte delle risorse cancellate e alla fine un terzo dei ragazzi perderà da subito la prima rata” spiega ancora Grimaldi. Anche il Pd chiede “spiegazioni urgenti per non lasciare incertezza nel mondo accademico e tra gli studenti”. L’assessore Tronzano, presente al dibattito in aula, per ora ha deciso di non spiegare la situazione di fronte al Consiglio.

Leggi anche: La Ocean Viking va a Pozzallo (dopo Di Maio e le elezioni in Umbria)