Cultura e scienze

Il segreto della dieta breathariana? I clisteri

Qualche tempo fa OpenSpace di Nadia Toffa ha rivelato a tutti quelli che non hanno una connessione ad Internet l’esistenza dei breathariani, o respirariani che dir si voglia. Si tratta di una particolare categoria di individui che compiono la scelta di nutrirsi solo dello spirito vitale della Madre Terra (in sanscrito Prana). Camminano tra di noi, resistendo ai morsi della fame per giorni, anche per settimane, ma qual è il loro segreto? A quanto sembra due elementi chiave sono l’acqua solarizzata e i clisteri.
breathariani digiuno consigli

L’acqua solarizzata è meglio di quella zuccherata?

Sostanzialmente più che mangiare si tratta quindi di digiunare e di astenersi dall’ingerire sia cibo che acqua. Una dieta molto semplice da seguire? Non sembra, almeno a giudicare da quelli che chiedono su Internet consigli sul modo più naturale per  non mangiare. C’è chi si limita a bere l’acqua solarizzata ovvero acqua che ha subito un sofisticato processo di cambiamento vitalizzante che consiste sostanzialmente nell’esporre l’acqua ai raggi solari per almeno un’ora all’interno di un recipiente di vetro. L’acqua così ottenuta diventerà un potente rimedio per guarire il corpo e soprattutto l’anima.
breathariani digiuno consigli - 2

Il digiuno di purificazione

Il digiuno, antica pratica ascetica, viene visto da alcuni come un modo per raggiungere l’illuminazione. È il caso di Alain Renè Francois Fourrè (noto con il nome di Djesael) morto a 62 anni a gennaio durante un digiuno di purificazione che si è protratto per tre settimane. Secondo l’attento analista di articoli di giornale qui sopra la causa del decesso di Djesael è stata proprio la mancanza di clisteri. Che roba l’Internet, dove uno qualsiasi che digiuna da appena quattro giorni può permettersi di dare consigli ad un santone che prima di morire è andato avanti per tre settimane solo con acqua. Certo, ci sarebbe anche il fatto delle tossine troppo forti per essere eliminate digiunando per un mese. La comunità però non è d’accordo sul fatto che i digiuni con l’aiuto dei clisteri siano abbastanza naturali. Per capire questo problema dovete immaginare un mondo di persone che credono che l’alimentazione “naturale” per l’uomo sia essenzialmente frugivora. La vita di queste persone è costantemente impegnata a trovare l’equilibrio più naturale possibile, c’è chi va a piedi scalzi, chi mangia solo cibo crudo (ovviamente vegan) e quando lo trovano corrono felici sull’Internet (che è uno dei 5 elementi di cui è costituita la Madre Terra) a raccontarcelo.
breathariani digiuno consigli - 3

Fucking enemas, how do they work?

Non tutti però possono digiunare, agli onnivori il digiuno fa malissimo, rischiano di trasformarsi in Giacinto Pannella, ai vegani crudisti con tendenze breathariane invece non può fare che bene. A qualcuno questa cosa dei clisteri non va giù, infilarsi qualcosa nell’ano è terribilmente innaturale (OH WAIT).
breathariani digiuno consigli - 4
Et voilà, la polemica è servita (tanto possono mangiare solo quella) e chi è più naturale tra i due? Come si fa a disintossicarsi nel modo giusto? E soprattutto, da cosa?
breathariani digiuno consigli - 5
Poteva mancare quello che veniva a parlare di alcalinizzazione e di acidificazione? No, e che dire del clistere che canalizza le energie togliendole alla disintossicazione?
breathariani digiuno consigli - 6
Poi c’è quello che consiglia i salassi, mentre il nostro amico decanta la piacevolezza di un clistere di due litri, fatto con regolarità.
breathariani digiuno consigli - 7
 

Don’t try this at home

E per finire ecco che ci viene spiegato il vero pericolo del clistere con sale e bicarbonato. Ma è naturale o no?? È il frutto dell’intelligenza umana, un po’ come il fuoco per cuocere gli alimenti. Ah no, quello non fa bene.
breathariani digiuno consigli - 8
Ed immancabile arriva la storia dell’orrore (e che dire della bufala della cura Gerson?)
breathariani digiuno consigli - 9
E pensare che qualche tempo fa i clisteri venivano usati come strumento di tortura dagli uomini della CIA che cercavano Bin Laden.