Attualità

"I poveri ti rompono il caz*o invece di ringraziarti", l'ultima uscita di Flavio Briatore | VIDEO

@neXt quotidiano|

Briatore

È da tempo un personaggio che divide l’opinione pubblica per le sue dichiarazioni. E l’ultima, figlia di un’intervista video di cui lo stesso Flavio Briatore ha condiviso un estratto sulla sua pagina Instagram, è destinata a seguire il percorso di quelle già fatte nel passato più o meno recente. Perché si parla di “differenze sociali” (e differenze negli effetti sociali) tra poveri e ricchi. Secondo l’imprenditore, i meno abbienti dovrebbero ringraziare persone e personalità come lui. Ma, invece di fare questo, lo contrastano e lo criticano.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

Briatore se la prende con i “poveri” che non lo ringraziano

Flavio Briatore ha riportato sui suoi canali social uno spezzone di una video-intervista rilasciata a Mediaweb Channel. In quell’occasione, l’imprenditore sottolineava le difficoltà di fare impresa nel nostro Paese. E lì ha sottolineato questo dualismo poveri contro ricchi, con il suo classico stile dialettico, puntando il dito contro i meno abbienti e sottolineando come sono proprio questi ultimi a dover ringraziare lui (e gli altri imprenditori) per il loro lavoro:

“Non hanno capito che chi crea ricchezza sono le aziende, gli investimenti. Io non ho mai visto un povero creare posti di lavoro. Invece loro sui ricchi… Ricchi cosa vuol dire? Il ricco non è uno che va in barca ai Caraibi, il ricco investe sempre, continua a investire. Noi siamo partiti con 10 milioni di fatturato, ora fatturiamo 140 milioni. Abbiamo 1.500 dipendenti. Invece di ringraziarti ti rompono anche il caz*o. Il Paese vero è questo qui, c’è una rabbia sociale enorme”.

Insomma, per Briatore i poveri sono ingrati. Non lo ringraziano per aver creato posti di lavoro e dare occupazione ai suoi dipendenti. Una dichiarazione destinata a provocare molte polemiche, come già accaduto in passato (per esempio sul costo di una pizza a Napoli rispetto a quello nei suoi locali).