Q&A

I 22 milioni di italiani che non usano internet

proteggere foto porno

Dopo quelli di Eurostat pubblicati dal Financial Times, sono stati resi noti ieri i dati sugli italiani e la tecnologia («Cittadini e nuove tecnologie») a cura dell’Istat, l’istituto nazionale di statistica. Secondo lo studio nel 2014 aumenta rispetto all’anno scorso la quota delle famiglie con un accesso a Internet da casa, ma in totale sono ventidue milioni gli italiani che non hanno mai utilizzato internet, pari a quasi il 40 per cvento della popolazione. Dallo studio emerge che siamo indietro rispetto all’Europa, sotto di noi ci sono solo Bulgaria e Romania. E a usare internet, tra i 16 e i 74 anni, sono il 56% in media della popolazione, mentre in Islanda sono il 95% e in Germania l’80%. Commenta il Corriere:

Non accede a Internet il 52 per cento tra i 6-10 anni e il 13,9 per cento tra gli 11-14 anni. Una spiegazione la troviamo nel fatto che per queste due fasce d’età, la percentuali di non utenti sale di molto se nessuno dei genitori naviga sul web (80 per cento),mentre crolla all’1 per cento in quelle famiglie dove entrambi i genitori sono internauti. Tuttavia, precisa il report dell’Istat, una larga quota di giovanissimi (6-10 e 11-14 anni), «ha dichiarato di non accedere al web in quanto gli è proibito dai genitori per la loro età». Dai 16 ai 24 anni, il dato subisce un’impennata. I giovani che utilizzano Internet regolarmente sono l’84 per cento. E tuttavia, siamo ancora indietro rispetto all’Europa, perché i giovani tra i 16 e i 24 anni, prosegue la relazione Istat «sono considerati il segmento della popolazione per il quale l’uso del web svolge un ruolo centrale nella costruzione di una vita professionale, culturale e sociale». E nel Nord Europa, i 16-24enni che navigano regolarmente sono la quasi totalità,prossimi al 100 per cento. Avanti a noi c’è la Grecia (83 per cento),dietro sempre Bulgaria e Romania; per tutti gli altri Paesi siamo a 9 su 10 o addirittura 10 su 10 (Islanda e Lussemburgo).

italia internet 1
Gli italiani e internet (Corriere della Sera, 19 dicembre 2014)