Trend

"Ma si vergogni!", cosa è successo tra Giletti e l'avvocato Prado sul caso Soumahoro | VIDEO

neXt quotidiano|

Giletti Prado

Nel corso dell’ultima puntata di “Non è l’Arena”, in onda domenica sera su La7, è andato in scena uno scontro tra il conduttore Massimo Giletti e l’avvocato (in collegamento) Iuri Maria Prado. Il tema era quello dell’inchiesta che ha coinvolto la famiglia (la moglie e la suocera) del deputato – eletto come indipendente nell’alleanza Verdi/Sinistra Italiana – Aboubakar Soumahoro. Il legale, nel corso di dibattito, ha utilizzato una tesi che – ovviamente – non è piaciuta né al giornalista né a tutti gli altri ospiti presenti in studio (e in collegamento). E questa è stata la reazione.

Giletti Prado, lo scontro a “Non è L’Arena” su Soumahoro

Il conduttore ha deciso di bloccare la discussione che stava nascendo tra gli ospiti in studio e quelli in collegamento, rivolgendosi in prima persona proprio all’avvocato Prado.

“Scusi avvocato, quindi secondo lei Giletti e i colleghi dei giornali parlano di questa storia perché è nero? Ma si vergogni avvocato, ma come fa a dire una cosa del genere. Ma a me cosa importa se è bianco, nero o giallo. Ma non si può dire una roba del genere. Non è accettabile una roba del genere. Ma lei lo può dire, ma non l’accetto”.

Ma cosa aveva detto il legale? Parlando del caso Soumahoro aveva accusato (non i presenti, ma il mondo dell’informazione in generale e la destra italiana) utilizzando queste parole.

“Questo è un caso montato dalla destra perché questo – riferendosi ad Aboubakar Soumahoro, ndr – è un neg*o. Questa è la realtà. Non un nero, ma un neg*o. Perché la cosa che non si riconosce in questo Paese è che un nero, non è come un bianco o un giallo. Un nero, per molti, è un neg*o nel nostro Paese”.

Parole che hanno provocato la reazione non solo di Massimo Giletti, ma anche degli altri ospiti in collegamento.

(foto e video: da “Non è L’Arena“, La7)