Opinioni

Aiuto i nazisti di Expò ci vogliono far mangiare gli insetti!

Giovanni Drogo|

undefined

La manipolazione delle menti dei cittadini passa anche attraverso la propaganda alimentare, a lanciare l’allarme anni fa ci aveva pensato il noto sito-fogna InformareXResistere che denunziava il progetto dell’Unione Europea (i soliti tecnocrati insomma) finalizzato alla commercializzazione di cibi a base di insetti. Anche quei geni di Lo Sai se ne erano accorti e ci avevano fatto uno dei loro classici pezzi di disinformazione annunciando l’avvento della dieta obbligatoria a base di insetti. Che sia un segno del fatto che siamo dominati dalla casta dei Rettiliani e dei Rettiloidi? Nessuno lo dice (forse perché hanno paura, ma noi no) ma è evidente che le cose stanno proprio così. Ad accorgersi di questa terribile macchinazione ai nostri danni però sono anche altri cittadini, soprattutto ora che sono uscite le notizie secondo le quali all’Expo tutti potranno gustarsi un bel panino coi vermi.

Il cibo all’expo dei criminali nazisti…vorrebbero ci cibassimo di questo.
Vorrebbero..ma c’è un limite a tutto..anche all’indeceneza.
Continuerò a battere sull’argomento più indecente che questi criminali nazisti vogliono imporci: quello degli insetti è un tentativo avviato diversi anni fa….e ora vorrebbero innalzarlo con questo evento fallimentare chiamato expo. E invece..sartà proprio la rovina dell’expo stesso.
Con questo tentativo, vogliono dimostrare a se stessi, che il popolo è una massa ignorante , di biofolchi che accetterebbero qualsiasi cosa con la mnaipolazione. Ed è questo che mi fa più arrabbiare..sapere il perchè stanno promuovendo questo orrore.

Aiutoooo
Aiutoooo

BENVENUTI NELL’ERA DELL’ALIMENTAZIONE RETTILIANA
I vermi e gli insetti non sono in commercio, fanno parte del progetto “Edible Insects” all’interno del Future Food Discrict realizzato da Coop Italia in collaborazione con la Società Umanitaria. Insomma per il momento nessuno obbliga nessuno a cibarsi di insetti e di vermi (che è quello che succede in Snowpiercer), più che propaganda per controllare le menti e le nostre abitudini alimentari si tratta di una provocazione che ha lo scopo di far pensare a quanto e quale cibo potrà essere necessario per sfamare il Pianeta Terra del prossimo futuro quando la popolazione umana raggiungerà i nove miliardi di persone.