Politica

Ma l'elettore M5S è di destra o di sinistra?

Tra le grandi domande sull’umanità (Chi siamo? Dove andiamo? Vuoi più bene alla mamma o al papà?) c’è anche quella che affligge da tempo immemorabile i politici italiani: ma gli elettori M5S sono di destra o di sinistra? Un sondaggio di Arnaldo Ferrari Nasi Consulenze pubblicato oggi da Libero prova a rispondere all’annosa questione, affermando in primo luogo che in questi anni, la struttura del voto a Cinque Stelle è sensibilmente cambiata. Tra il 2013, ovvero l’anno dell’ingresso in Parlamento, e di primi sei mesi del 2017, almeno due fenomeni rilevanti sembrano essere intervenuti:

Anzitutto, si può dire che il Movimento abbia praticamente perso la sua componente di centrodestra, storicamente importante, che pesava per più di un terzo dell’elettorato e che rendeva il grillismo una forza trasversale e diversa dagli altri raggruppamenti politici. L’esame visivo del grafico dei profili della autocollocazione («io mi sento di…») ci mostra come nel 2013 fosse possibile individuare due picchi,uno un po’più diffuso e capiente, nell’ambito del centrosinistra, e uno in quello del centrodestra, meno ampio, ma di certo ben definito e consistente. Nel giugno 2017 tutto questo è scomparso ed il Movimento 5 Stelle appare come un partito decisamente schierato a sinistra, con una parte residuale di elettori che ancora si sente “di destra”.

m5s destra sinistra
Il sondaggio di Libero sugli elettori del M5S (19 giugno 2017)

In più, spiega lo studio di Libero, il M5S sta subendo un’emorragia di maschi (-15%),istruiti (-10%) e laici (-20%). Tipicamente elettorato di sinistra, meglio, del Partito Democratico, che proprio da molti di costoro era stato abbandonato.

Ma il Pd non riesce a recuperare questi elettori, anzi, perde ancora sui giovani (-13%) e sulla fascia di mezzo, tra i 36 e i 55 anni (-13%); e ancor meno attrattivi risultano essere i nuovi partiti di sinistra sinistra, Si e Mdp, assolutamente lontani dai 18-35enni (-31%) o dalle aree povere del paese (-37%), rispetto ai dati registrati da Sel e Rifondazione nel 2013. Chi per maggior verosimiglianza sembra aver assorbito il target elettorale in fuga dal M5S, è la fascia dei “delusi”, ovvero coloro che hanno deciso di non votare o di annullare la scheda. Essi, rispetto al 2013, guadagnano dove oggi i grillini stanno perdendo: nei maschi (+25%), nei giovani (+28%), nei più istruiti (+20%), nei laici(+32%). I primi ad averdato fiducia al Movimento sono i primi a togliergliela?

Leggi sull’argomento: La lettera di Virginia Raggi ai romani: un fact checking