Cultura e scienze

Cameron Boyce: la morte a 20 anni della star Disney

cameron boyce instagram

L’attore Cameron Boyce, giovanissima star delle serie televisive di Disney Channel, è morto a 20 anni. “È con un cuore profondamente pesante che riportiamo che questa mattina abbiamo perso Cameron”, ha detto un portavoce a nome della famiglia, citato dalla Abc. Il giovane “è morto nel sonno a causa di un attacco di convulsioni, risultato di una condizione medica in corso per la quale era in cura”.

Cameron Boyce: la morte a 20 anni della star Disney

Boyce ha recitato in “Jessie”, un programma televisivo su una ragazza di una piccola città, interpretato da Debby Ryan, che lavora come baby sitter per una famiglia benestante dopo essersi trasferita a New York. Boyce era uno dei bambini della famiglia. Nato a Los Angeles il 28 maggio, dopo gli inizi nella pubblicità Cameron Boyce ha debuttato in tv nella soap opera General Hospital: Night Shift, mentre al cinema ha recitato nei film Riflessi di paura, Eagle Eye, Un weekend da bamboccioni (1 e 2), Justin Bieber: Never Say Never, e Judy Moody and the Not Bummer Summer.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

🥳

Un post condiviso da Cameron Boyce (@thecameronboyce) in data:

“Il mondo – ha spiegato oggi il portavoce della famiglia – ha perso una delle sue luci più luminose, ma il suo spirito continuerà a vivere attraverso la gentilezza e la compassione di tutti coloro che lo hanno conosciuto e amato”. “Siamo molto tristi in questo momento e chiediamo la dovuta privacy per affrontare la perdita del nostro prezioso figlio e fratello”, ha concluso. A consacrarlo tra il pubblico dei giovanissimi sono stati lo show Disney Jessie e soprattutto il personaggio di Carlos De Mon, figlio di Crudelia De Mon, nella saga di film Descendants. Si parla, soprattutto su Twitter, di una crisi epilettica. A dirlo tra gli altri anche l’attore Greg Grumberg, il quale scrive che è necessario trovare una cura per l’epilessia. Fox News parla solo di un attacco di convulsioni.

Leggi anche: Padre Salonia: la richiesta di giudizio per il prete accusato di violenza a una suora