Cultura e scienze

Amici e le Sardine di Maria De Filippi

Le critiche più dure arrivano dalla chat interna delle Sardine, che racchiude i fondatori e i referenti di ogni provincia. Attacchi dalla Sicilia, dalla Campania, dal Friuli, che non risparmiano la presunta voglia di protagonismo di Santori e dei suoi. Alcuni avvertono sul rischio di altri passi falsi «dopo la foto con Benetton». In 4, fra gli attivisti più impegnati, abbandonano la chat

amici sardine maria de filippi

Le Sardine saranno ospiti della prima puntata stagionale di Amici. A ora di pranzo lo dice in conferenza stampa la conduttrice Maria De Filippi, subito dopo la conferma del gruppo di comando degli attivisti in un post su Facebook: «Non c’è piazza che non valga la pena di riempire. La dimensione politica delle Sardine non può e non deve essere snob». Ma la partecipazione di tre leader al programma – Mattia Santori, Jasmine Cristallo e Lorenzo Donnoli sono stati chiamati a fare un intervento contro l’odio – scatena la rivolta di referenti sul territorio e simpatizzanti, racconta oggi Emanuele Lauria su Repubblica:

Alle otto della sera una gran parte dei quasi 500 commenti sul profilo Facebook “6000sardine” porta con sé critiche a questa decisione. Perché non concordata, perché violerebbe il silenzio mediatico che il movimento si era dato prima dell’assemblea di Scampia e per la natura della trasmissione: «State vanificando la vostra credibilità e coerenza deludendo migliaia di persone», dice Annachiara Musella da Roma. «La prossima comparsata ad Arcore», scrive Andrea Fiesoli da Firenze.

Ma le critiche più dure arrivano dalla chat interna delle Sardine, che racchiude i fondatori e i referenti di ogni provincia. Attacchi dalla Sicilia, dalla Campania, dal Friuli, che non risparmiano la presunta voglia di protagonismo di Santori e dei suoi. Alcuni avvertono sul rischio di altri passi falsi «dopo la foto con Benetton». In 4, fra gli attivisti più impegnati, abbandonano la chat.

amici sardine maria de filippi 1

E Santori, in serata, è costretto a mandare ai compagni più stretti un video in cui giustifica la scelta sottolineando il fatto che De Filippi ha lasciato alle Sardine assoluta libertà di espressione e sottolineando che Amici ha uno share altissimo, composto da un pubblico giovanile finora poco interessato alla mobilitazione:

In realtà, come rivela un referente, «il movimento è in un momento di stallo». Mancano organi decisionali, si sono interrotte le assemblee locali e, in attesa del raduno di Scampia, la linea è ondeggiante. Un gruppo di lavoro composto da tre attivisti di Cesena, Francesca Maremonti, Michele Bruzzi e Stefania Rovereti, ha redatto un documento di 14 pagine sul referendum sul taglio dei parlamentari, con un’amplissima valorizzazione delle ragioni del No. «La maggior parte di noi è contraria al taglio», fa sapere il portavoce Adriano Dossi.

Leggi anche: Libero prima diffonde il panico e poi nasconde la mano