Politica

Alexis Tsipras, il discorso delle dimissioni

Alexis Tsipras ha annunciato le sue dimissioni da premier della Grecia e annunciato le elezioni anticipate. «Do le dimissioni perché considero esaurito il programma del 25 gennaio», ha detto, riferendosi alle elezioni che ha vinto all’inizio dell’anno. «Ho la coscienza a posto, in questi mesi ho combattuto per il mio popolo. I greci devono decidere se li ho rappresentati con coraggio davanti ai creditori e se questo accordo è sufficiente per una ripresa», ha aggiunto Tsipras, «il mandato che ho ricevuto il 25 gennaio ha esaurito il suo limite, ora il popolo deve decidere di nuovo. Ho l’obbligo morale di sottoporre quello che ho fatto al vostro giudizio, chiederò il voto del popolo greco per governare e proseguire il nostro programma di governo». Tsipras ha anche annunciato di aver chiesto a Martin Schultz di assumere la supervisione del nuovo programma di assistenza.
Poi, sul motivo del ritorno alle urne: «Vogliamo un forte mandato, un governo stabile e la solidarietà con la società che vuole le riforme in senso progressista. Questa difficile fase di negoziati è finalmente finita; siamo obbligati a rispettare l’accordo ma combatteremo per mitigarne le conseguenze avverse». I greci, ha poi spiegato il premier uscente, «giudicheranno l’accordo sul prestito con il loro voto. Ci attendono battaglie difficili che richiedono un mandato chiaro». Infine: «Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto al governo. L’Europa non è più la stessa dopo che Syriza è andata al potere». I primi trenta secondi del discorso del premier greco sono saltati per un problema all’audio.

Leggi sull’argomento: Alexis Tsipras, cosa c’è dopo le dimissioni