Cultura e scienze

Selvaggia Lucarelli, la Cristoforetti e i gattini dell'Internet

Giovanni Drogo|

Selvaggia Lucarelli è una blogger. Selvaggia Lucarelli è un’opinionista, categoria che nella televisione serve ad indicare quei personaggi senza arte né parte in grado di discettare amabilmente di qualsiasi argomento senza mai dire nulla davvero. Di Selvaggia Lucarelli di recente si ricorda il passaggio da Libero al Fatto Quotidiano e di come sia riuscita a farsi convincere a consegnare contro la sua volontà (o secondo altre versioni a farsi copiare dal PC) una penna usb piena di immagini rubate di una festa privata a casa di George Clooney. Selvaggia Lucarelli ha ora un problema molto più grave di un rinvio a giudizio per violazione della privacy. Selvaggia ha un problema con l’Internet, perché la bacheca del suo profilo Facebook è stata invasa dai gattini dopo una delle sue brillanti e argute uscite acidelle.
selvaggia lucarelli cristoforetti
 
LA DOPPIA MORALE DI SELVAGGIA LUCARELLI
A fare le spese delle “opinioni” della Lucarelli questa volta è stata la cosmonauta italiana (prima donna italiana nello spazio) Samantha Cristoforetti, soprannominata dai fan AstroSamantha. Scrive la Lucarelli, in un uno di quei suoi (purtroppo non rari) momenti di becero populismo:

Abbiamo capito che la Cristoforetti è tornata a casa e mi spiace per lei che ora si ritrovi appiccicato addosso il nomignolo AstroSamanta come una cartomante barese, ma davvero, basta. Non se ne può più. C’è tanta gente che lavora mesi su una petroliera o in cantieri sperduti nel mondo o a tirar su le case in Nepal e quando torna a casa si festeggia senza tutta ‘sta melassa spaccacoglioni.

Pare che in una versione iniziale di questo post la Lucarelli avesse anche pensato di aggiungere un ricordo affettuoso ai Marò e uno ai naufraghi dell’Isola dei Famosi ma alla fine ha optato per dei rimandi alla classe operaia (petroliere, cantieri, case in Nepal) che se è assodato che non va in Paradiso è abbastanza chiaro che non riesce nemmeno ad arrivare in orbita come la Cristoforetti. Che poi oh, Samantha Cristoforetti non è che ci è arrivata per caso sulla Stazione Spaziale Internazionale, ma questi, per un’opinionista sono evidentemente solo dettagli. A proposito di dettagli dimenticavo di aggiungere che un’altra delle specialità della Lucarelli è la doppia morale, ad esempio come quando tiene al telefono per cinque minuti durante la sua diretta radiofonica una Sara Tommasi in evidente stato confusionale, così, giusto per fare un po’ di audience e di spettacolo sulla pelle di quella che definisce un’amica. Succedeva a marzo:
Uno degli oltre 9000 commenti di gattini che hanno intasato la Lucarelli

Uno degli oltre 9000 commenti di gattini che hanno intasato la Lucarelli

Gli amici dei gattini erano sicuri che la Lucarelli, esperta delle cose dell’Internet in quanto “blogger” di chiara fama, l’avrebbe presa bene, un po’ come era successo quando aveva commentato l’invasione di gattini su Salvini:
È passato poco più di un mese e la Lucarelli non si ricorda già quanto era divertente
È passato poco più di un mese e la Lucarelli non si ricorda già quanto era divertente

Ed invece non è andata così, la Lucarelli in radio (puntata del 15 giugno al minuto 1:20:00) ha detto parole di fuoco contro l’Internet dell’invidia e dell’odio che l’ha quasi costretta a chiudere la bacheca (a lei, che con i social ci lavora!11). Ci sono tutti gli estremi per configurare il reato di lesa blogghità. Un rosicaggio di prima categoria, dove la Lucarelli se la prende con l’Internet degli imbecilli (credendosi Umberto Eco), contro il bullismo (dimenticando quando usa la sua popolarità per bullizzare quelli che le stanno sul cazzo) e – di nuovo – contro Samantha Cristoforetti. Poteva mancare il richiamo a Charlie Hebdo? Eh no, perché il secondo nome della Lucarelli è proprio #jesuischarlie, ma solo per lei, ai critici è vietato il diritto di satira. La risposta di quelli del via https://www.facebook.com/virtualflashmobs
via https://www.facebook.com/virtualflashmobs