Attualità

«Il tweet di Salvini rischia di far saltare un’operazione di polizia»

armando spataro matteo salvini tweet

Il tweet con cui Matteo Salvini ha annunciato che stamani a Torino la polizia ha fermato “15 mafiosi nigeriani” ha fatto sorgere “rischi di danni al buon esito dell’operazione che è tutt’ora in corso”. A scriverlo in un comunicato diffuso dalle agenzie di stampa è il procuratore capo della città Armando Spataro, che spesso si è scontrato mediaticamente con l’attuale ministro dell’Interno. Spataro ha ricevuto di recente l’ok all’indagine per vilipendio a corpo politico dello Stato nei confronti di Salvini, dopo le parole del leader della Lega sui magistrati che avevano osato rinviare a giudizio il suo fedelissimo Edoardo Rixi, attualmente sottosegretario alle Infrastrutture, per peculato a causa di anomalie nella rendicontazione di cene e pranzi, viaggi avvenuti nei fine settimana e spese di parcheggio quando quest’ultimo era consigliere regionale in Piemonte.

armando spataro matteo salvini tweet

“Ci si augura che per il futuro il ministro dell’Interno eviti comunicazioni simili” o quantomeno “voglia informarsi sulla tempistica al fine di evitare rischi di danni alle indagini in corso”, scrive infine Spataro nel comunicato dedicato al ministro dell’Interno. In un’intervista rilasciata qualche tempo fa alla Stampa Spataro aveva anche criticato Salvini per il caso Diciotti.

spataro torino
Il comunicato (via Facebook)

Salvini però è convinto di aver ragione:  “Inaccettabile dire che il ministro dell’interno possa danneggiare indagini e compromettere arresti. Qualcuno farebbe meglio a pensare prima di aprire bocca. Se il procuratore capo a Torino è stanco, si ritiri dal lavoro: a Spataro auguro un futuro serenissimo da pensionato. Se il capo della polizia mi scrive alle 7:22 informandomi di operazioni contro mafia e criminalità organizzata, come fa regolarmente, un minuto dopo mi sento libero e onorato di ringraziare e fare i complimenti alle forze dell’ordine”.

Leggi sull’argomento: La cartella Equitalia di Antonio Di Maio