Attualità

Riccardo Germani: lo Zorro antifa che ha trollato Salvini

zorro piazza duomo salvini 1

La manifestazione sovranista di Matteo Salvini ieri pomeriggio a Milano è stata interessante soprattutto perché c’era Zorro: ovvero il tizio che, prendendo spunto dall’ormai famigerata prima pagina del libro-intervista del Capitano con Altaforte e dall’aneddoto sul furto del pupazzetto (“D’ingiustizie nella vita ne ha subite anche lui, sin da piccolo, quando racconta ironicamente che all’asilo gli rubarono il pupazzetto di Zorro”) si è travestito da personaggio di McCurley e ha srotolato sotto il balcone dove si esibiva lo striscione “Restiamo Umani“.

Riccardo Germani: lo Zorro antifa che ha trollato Salvini

Ieri l’esibizione è durata poco: lo striscione è stato rimosso tra le contestazioni dei sostenitori dell’uomo mascherato che nel frattempo li salutava e faceva il gesto delle manette. In compenso l’utente Riccardo Germani su Facebook ha rivendicato l’esibizione di ieri, corredando il tutto anche con una video-intervista.

Germani ha anche pubblicato una foto dell’inizio dell’esibizione di Zorro:

zorro piazza duomo salvini

E ha anche fatto partire la corsa al meme:

zorro meme

Sindacalista dell’Unione Sindacale di Base, Germani non è nuovo a queste iniziative: qualche anno fa per protestare alla prima della Scala riuscì a superare i posti di blocco arrivando in limousine. Lo striscione, considerato “provocatorio” è stato poi rimosso e gli organizzatori della fantasiosa protesta sono stati identificati dalla polizia locale. La finestra dalla quale si è affacciato per lanciare il suo messaggio appartiene ad un lussuoso hotel del centro ma è contigua ad alcuni uffici comunali; è stato lo stesso direttore dell’albergo a salire nella stanza e rimuovere il lenzuolo appeso, quindi a chiamare i vigili.

Zorro in piazza Duomo e Salvini

Lui stesso ha detto che l’iniziativa “non ha nessun cappello politico né sindacale e non è solo mia. È stata un’azione collettiva e condivisa di ‘Non una ci meno’ e della rete ‘Milano antifascista antirazzista meticcia e solidale’“, che oggi ha organizzato la manifestazione anti-Salvini ‘Gran Gala del Futuro’. “Oggi Zorro eravamo tutti”, ha aggiunto Germani. “Abbiamo lanciato un messaggio positivo e non di odio come quello che era sul palco” di Salvini. “Oggi ha vinto la nostra piazza – ha concluso Germani – e il nostro messaggio di umanità”. E lo stesso Salvini ha detto di aver apprezzato il gesto: “Io adoro Zorro, non mi piacciono le minacce di morte ma viva Zorro, mi piace Zorro ovunque e avevo dato indicazioni di lasciare tutti al loro posto ovviamente tranne quelli offensivi. Le cose finché sono scherzose mi piacciono”.

zorro riccardo germani

Lo striscione srotolato su piazza Duomo è stato rimosso dalla polizia durante il comizio di Matteo Salvini, come molti altri negli ultimi giorni in diverse parti d’Italia. “Credo che togliere un messaggio come ‘restiamo umani’ sia un po’ ridicolo – ha detto Germani – credo si stia andando oltre al buonsenso”. “Non so che fine ha fatto lo striscione, lo hanno tolto, forse sequestrato. Non ne ho idea”, ha spiegato il sindacalista ‘mascherato’. “Ci aspettavamo che sarebbe arrivata” la polizia, “pensavamo addirittura arrivassero prima ma l’ingresso dell’hotel non era sulla piazza” e “ci hanno messo un po’ per trovarci”, ha raccontato ancora Germani chiarendo che lui e un’attivista di ‘Non una di meno’, presente nella stanza affittata in albergo per l’azione, sono stati identificati “senza fare resistenza” e ” in modo pacifico” dagli agenti.

zorro calenda

Già che c’era, Zorro ha anche ricordato a Carlo Calenda, usando una citazione da Full Metal Jacket che l’ex ministro che si è fatto fregare da Di Maio sull’ILVA di sicuro non capirà, che l’antifascismo è fatto anche di gesti come il suo.

Leggi anche: Heinz-Christian Strache: lo strano caso del sovranista che si vende alla Russia