Economia

Quota 102: il taglio sulle pensioni solo sul contributivo

Come affrontare il superamento di Quota 100: Quota 102 prevede pensioni a 64 anni e 38 di contributi e una penalizzazione del 2 o 3%. Ma la riduzione dell’assegno non sarà sull’intero importo ma solo sulla quota contributiva

quota 102 pensioni anticipate quota 100 1

Ieri nell’incontro tra a governo e sindacati si è discusso di come affrontare il superamento di Quota 100: Quota 102 prevede pensioni a 64 anni e 38 di contributi e una penalizzazione del 2 o 3%. Ma spiega il Messaggero, la riduzione dell’assegno non sarà sull’intero importo ma solo sulla quota contributiva di pensione per ogni anno che serve per raggiungere quota 67 anni:

Questa soluzione potrebbe essere particolarmente favorevole ai lavoratori più maturi e ormai prossimi al riposo. Per loro, quelli nati a cavallo degli anni ’60, buona parte della pensione viene infatti calcolata attraverso un modello misto (con quota contributiva a partire dal 1996) o addirittura (per chi aveva già 18 anni di contributi nel 1996) con il retributivo pieno salvo gli anni successivi al 2012, data della riforma Fornero) E dunque il sacrificio, in termini di taglio della pensione, sarebbe piuttosto limitato. L’alternativa alla cosiddetta Quota 102 (costo ipotizzato: 8 miliardi di euro) consisterebbe nel puntare su uscite flessibili ancora più anticipate anagraficamente e flessibili calcolando l’assegno interamente con il contributivo. Lo Stato avrebbe costi più elevati, in prima battuta, ma poi risparmierebbe nel tempo perché le pensioni ottenute sono legate ai contributi versati e più basse di quelle calcolate con una parte di retributivo. Tale meccanismo, peraltro, potrebbe divenire anche uno strumento da utilizzare insieme agli ammortizzatori nella gestione delle crisi aziendali dei prossimi mesi, soprattutto dopo che sarà stato spento l’attuale stop ai licenziamenti.

quota 102 pensioni taglio quota contributiva

Oltre a Quota 102 rimane comunque in pista l’opzione Quota 41. Andare in pensione tutti con 41 anni di contributi a prescindere dall’età.

Leggi anche: “400 euro per ogni figlio fino a 21 anni”: l’importo dell’assegno unico