Cultura e scienze

Quali sono le vere proprietà curative di miele e cannella

L’Internets, si sa, può essere il migliore alleato di chi cerca rimedi fai da te per gli acciacchi di stagione e allo stesso tempo il peggiore nemico di una persona che sta veramente male e si affida agli strampalati rimedi che promettono cure miracolose. Periodicamente emergono nuove cure che si diffondono alla velocità di un’influenza alla scuola materna dei vostri figli. Da qualche tempo a questa parte uno dei rimedi casalinghi più gettonati è quello che prevede di utilizzare miele e cannella. Al solito viene presentato come un segreto del quale Big Pharma non vuole laggente venga a conoscenza, e chi ne parla garantisce che è la panacea definitiva per ogni male e ogni malanno. Ma è davvero tutto miele quello che luccica o siamo di fronte all’ennesima bufala dei soliti ciarlatani medici da tastiera?
cannella miele - 1
cannella miele - 2
IL POTERE CURATIVO DEL MIELE
Nonostante la storia della “cura miele e cannella” sia apparsa per la prima volta su Weekly World News (una specie di Trascendentale o Lercio ante litteram) nel 1995 a quanto pare per questa volta l’Internets non sta cercando di fregarci e il miele possiede davvero delle virtù terapeutiche. In base al grado di lavorazione cui è stato sottoposto, il miele risulta essere un dolcificante più sano dello zucchero raffinato che comunemente la maggior parte di noi utilizza. Il miele possiede inoltre proprietà antiossidanti (essendo ricco di flavonoidi) e antibatteriche; le proprietà antisettiche del miele sono note fin dall’antichità: in passato veniva usato anche per prevenire l’infezione delle ferite. Inoltre il miele è una fonte di vitamina B6. Tutte questi aspetti benefici, pur non rendendolo un farmaco miracoloso, ne fanno una sostanza utile per la nostra salute. Ad esempio il miele può essere utile nel tenere sotto controllo le allergie ed aumentare la vostra soglia di tolleranza ai pollini, soprattutto se viene prodotto nell’area dove abitate e quindi le api vengono in contatto con alcune delle piante cui potreste essere allergici. Un aspetto da tenere in considerazione, prima di iniziare la vostra abbuffata di miele è verificare la provenienza del prodotto, in alcuni paesi infatti è consentito l’utilizzo di antibiotici o farmaci per rendere le api resistenti ai parassiti. In quel caso è possibile che una parte di queste sostanze finiscano nel miele. Per il resto non ci sono grandi controindicazioni, certo se pensate di poter curare l’Ebola mangiando cucchiaiate di miele allora state sbagliando qualcosa.
cannella
CURARSI CON LA CANNELLA
La vulgata internettiana racconta che consumare regolarmente dolci fatti con miele e cannella riduce il rischio d’infarto. Questo potrebbe non essere così vero ma anche la cannella, come il miele, ha delle proprietà benefiche interessanti. Innanzitutto però bisogna distinguere i due tipi di cannella, la Cinnamomum verum e la Cinnamomum cassia. La “vera” cannella è la prima, la seconda dal momento che contiene un maggiore livello di cumarina potrebbe essere tossica per il fegato se assunta in grandi quantità. Fatta questa distinzione andiamo a vedere quali sono gli effetti benefici (non necessariamente curativi) della cannella. Un primo aspetto è stato evidenziato anche dall’American Diabetes Association. Uno studio condotto su un campione ridotto di pazienti affetti da diabete di tipo 2 ha mostrato che l’assunzione di piccole dosi di cannella (tra i 360 e i 120 milligrammi al giorno prima di colazione) potrebbe favorire l’abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue. Alcuni aggiungono che la cannella potrebbe aiutare a combattere il colesterolo ma non ci sono studi che l’assunzione regolare di cannella possa in qualche modo essere una terapia contro il colesterolo: una corretta alimentazione e una vita sana sono due rimedi fai da te molto più efficaci. Come molte altre spezie invece la cannella ha diverse proprietà terapeutiche utili ad affrontare piccoli problemi di salute. La cannella contiene infatti eugenolo, aldeide cinammica e altri alcaloidi che la rendono un buon antispastico, un blando antibatterico e un lieve antidolorifico. Ancora una volta, non è possibile curare il cancro con la cannella (e nemmeno con la canella e il miele assieme), ma nausea, coliche, brufoli e mal di testa sí. In definitiva quindi miele e cannella sono due alimenti utili a rinforzare il nostro organismo o a trattare lievi indisposizioni. Per curare davvero disturbi cardiaci, diabete o il cancro meglio rivolgersi ad un medico e non all’Internet.
https://www.youtube.com/watch?v=XWCLiArPu8Q