Economia

Metro A Spagna, slitta la riapertura

Quello che manca è il collaudo finale da parte dell’USTIF, l’organo del ministero dei trasporti

metro a spagna

La riapertura della fermata della Metro A Spagna slitta e potrebbe avvenire forse alla fine della prossima settimana. La fermata che secondo l’assessora alla Roma Immobile Linda Meleo doveva riaprire “entro la settimana” 20 giorni fa resterà ancora chiusa per giorni, mentre nessuno conosce il destino di Barberini e Repubblica. Quello che manca è il collaudo finale da parte dell’USTIF, l’organo del ministero dei trasporti. Racconta il Messaggero:

Nel vertice al ministero si è deciso che, per tentare di accelerare i tempi ormai biblici, questa mattina, in via straordinaria, il dirigente dell’Ustif incontrerà il responsabile dell’esercizio di Atac per avviare una road map che porti a completare le verifiche tecniche, con il definitivo nulla osta da parte dei tecnici di Porta Pia.

Dal Mit è stata espressa la massima collaborazione nei confronti del Campidoglio per risolvere il problema al più presto. Il ministro Danilo Toninelli, fanno notare dal dicastero, è sempre stato uno degli esponenti del Governo più disponibili a supportare l’amministrazione di Virginia Raggi. L’Ustif risponderà così alla richiesta di intervento arrivata esattamente una settimana fa dall’Atac, fino a ieri in attesa di un riscontro.

metro barberini spagna repubblica

Per portare a termine le verifiche necessarie per la sicurezza nella stazione Spagna, e redigere il relativo verbale,serviranno «alcuni giorni». Quindi, se tutto risulterà in ordine, è verosimile pensare a una riapertura della fermata ai passeggeri tra venerdì e sabato della prossima settimana. Soltanto dopo ci si potrà occupare a tempo pieno di Repubblica, che ha ormai superato i sei mesi di stop, con l’obiettivo di renderla disponibile intorno alla metà del mese o poco dopo. Soltanto dopo il via libera della Procura, invece, sarà possibile stilare un calendario di interventi per Barberini che, come Spagna, è off-limits dal 23 marzo.

Leggi anche: Cosa c’è dietro Conte che caccia Siri