Cultura e scienze

Le profezie di Nostradamus e la Terza Guerra Mondiale

fabio franceschi fatto

Fabrizio D’Esposito sul Fatto di oggi “indaga” (ironicamente) su apparizioni mariane, profezie di Nostradamus e complottismo in un articolo dal significativo titolo “Il Terzo Anticristo farà crollare il Colosseo”. Si comincia con quel simpatico cazzeggione di Nostradamus:

L’occultista-astrologo più famoso di tutti i tempi, vissuto in Francia nel sedicesimo secolo, aveva previsto tutto. In questi giorni viene citata in continuazione, dagli esperti dal ramo, soprattutto questa quartina nostradamitica: “La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l’Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti…poi finalmente verrà la pace ma in pochi ne potranno godere”. È la previsione di un’A p o c a li s s e senza precedenti e la devastazione non risparmierà Roma: “Roma sparirà e il fuoco cadrà dal cielo e distruggerà tre città. Tutto si crederà perduto e non si vedranno che omicidi; non si sentirà che rumori di armi e bestemmie. I giusti soffriranno molto. (…)
Roma perderà la fede e diventerà il seggio dell’Anticristo. I demoni dell’aria, con l’A n t i c r isto, faranno dei grandi prodigi sulla terra e nell’aria e gli uomini si pervertiranno sempre di più”. Ora su Nostradamus e l’Anticristo c’èda precisare che lesue centurie divise in quartine hanno individuato ben tre Anticristi. I primi due sono già comparsi, Napoleone e Hitler. Manca solo il terzo, forse il Califfo, e la questione andrà moltoper le lunghe: “Il terzo Anticristo ben presto attaccherà, 27 anni di sangue durerà la sua guerra, glieretici morti ,i prigionieri esiliati, sangue di corpi umani arrossa l’acqua e la grandine distrugge la terra”.

papa francesco nostradamus keanu
Poi c’è anche la famigerata superloggia massonica che tutto comanda e tremare il mondo fa:

La creazione di caos e guerre è il gingillo prediletto di questa superloggia, a partire dall’Undici Settembre. Dice, nel libro, un potente supermassone: “Per i più raffinati interpreti del milieu esoterico-astrologico, farò notare che il giorno di insediamento ufficiale del sedicente Califfato del massone controiniziato Abu Bakr al-Baghdadi, il 29 giugno 2014, la luna transitava in posizione speciale tra Cancro e Leone, sig ni fi c at iv a me nt e congiunta a Giove alla fine del C an cr o”. Al Baghdadi quando poi apparve in pubblico la prima volta, il 5 luglio 2014, aveva alle spalle il simbolo principale dei templi massonici: un grande occhio senza palpebre. In questo caso il nuovo Sauron tolkeniano, per una “globalizzazione senza democrazia e senza libertà”. La realtà non è mai quella che sembra.

Leggi sull’argomento: Papa Francesco, il Giubileo e le terribili profezie di Nostradamus