Economia

Irpef: la riforma delle aliquote slitta al 2022?

a riforma delle aliquote Irpef che prevede l’eliminazione delle deduzioni da lavoro dipendente e il bonus da 80 euro introdotto da Renzi e diventato di “100 euro” da qualche mese potrebbe slittare di un anno

addizionali irpef regionali comunali 1

La riforma delle aliquote Irpef che prevede l’eliminazione delle deduzioni da lavoro dipendente e il bonus da 80 euro introdotto da Renzi e diventato di “100 euro” da qualche mese potrebbe slittare di un anno. Il Corriere spiega che le novità sugli sconti fiscali che verranno già incorporati nell’algoritmo e per questo motivo figureranno nell’aliquota media personalizzata che ciascuno di noi pagherà potrebbe non partire a gennaio come preventivato:

Rischia di slittare al 2022 la riforma dell’Irpef. È il risultato delle tensioni nella maggioranza e nel governo e delle poche risorse a disposizione per il 2021. La Nadef, Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza, che il Consiglio dei ministri dovrebbe approvare questa sera, oltre a confermare l’aumento del taglio del cuneo (bonus Renzi incrementato fino a 100 euro) per i redditi da lavoro dipendente fino a 40 mila euro (una voce che per il 2021 richiede due miliardi), apre, sul fronte fiscale, uno spazio di bilancio per circa 6 miliardi. Che però serve perl’attuazione del disegno di legge delega sul Family act (attualmente fermo al Senato), che prevede l’introduzione dell’assegno unico per ogni figlio fino 21 anni.

riforma fiscale irpef aliquote

Leggi anche: Reddito di cittadinanza: il rischio di tagli per gli assegni