Economia

La tonnara di Favignana chiude grazie al sottosegretario leghista

Il mondo imprenditoriale e politico siciliano si è scagliato contro il sottosegretario leghista alle Politiche agricole Franco Manzato, l’autore del decreto

tonnara favignana

La tonnara di Favignana chiude i battenti con un grave danno economico alla Nino Castiglione, l’azienda trapanese a cui è stata affidata l’attività dell’impianto e che ha già investito nell’iniziativa circa un milione di euro, creando oltre 50 posti di lavoro. Alla base della decisione, il decreto del ministero delle Politiche agricole di ieri che in soli due articoli ha, di fatto, ribaltato il contenuto del precedente decreto di assegnazione delle quote tonno, assegnando alla tonnara di Favignana appena 14 tonnellate sulle già esigue 357 a disposizione dei cinque impianti italiani. Laura Anello su La Stampa racconta che il mondo imprenditoriale e politico siciliano si è scagliato contro il sottosegretario leghista alle Politiche agricole Franco Manzato, l’autore del decreto:

Se si considera che un tonno di dimensioni medie ormai pesa tra un quintale e un quintale e mezzo (lontani i tempi degli esemplari record), significa che la nuova mattanza dovrebbe fermarsi a poco più di cento pesci. Abbastanza per fare gettare la spugna all’azienda Nino Castiglione, che aveva riavviato l’attività investendo un milione di euro e riaccendendo le speranze degli amministratori locali – cinquanta i posti di lavoro adesso a rischio – e l’interesse del turismo internazionale. «Sospendiamo immediatamente le attività, non si possono cambiare le regole in corsa», ha annunciato l’impresa.

A sparare a zero è il presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, storico luogotenente di Berlusconi in Sicilia e oggi in prima fila contro la Lega. «Oggi è morta la tonnara di Favignana. Lo ha deciso un sottosegretario della Lega e la cosa non mi dà pace. Soltanto un leghista di Oderzo, comune che dista cinquanta chilometri dal mare, uno che non sa neanche cosa sia il mare – figuriamoci l’industria conserviera ittica – poteva rendersi protagonista di una distribuzione delle quote tonno a totale svantaggio di Favignana».

tonnara di favignana

Lo scontro è tutto politico, e pazienza se neanche la Sardegna sia profondo Nord. «Per la prima volta il ministero delle Politiche agricole ha dato ordine a un settore come è quello delle tonnare fisse – si difende Manzato dove la cattura del tonno era affidata al caso. Abbiamo dato la possibilità concreta di far ripartire la tonnara di Favignana, chiusa da oltre dieci anni, e quella di Cala Vinagra», l’altra struttura che si rimette all’opera quest’anno, in Sardegna.

Leggi anche: Angelo Tofalo: il sottosegretario che va alla guerra contro la ministra della Difesa