Economia

Auto aziendali, ecco l'ecotassa

neXt quotidiano|

supertassa auto aziendali

Arriva l’ecotassa sulle auto aziendali. Italia Oggi pubblica uno schema che mostra come verrà modulata la tassazione del “fringe benefit” dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale delle tabelle sui costi chilometrici di esercizio nel 2020. Le tabelle nazionali relative al periodo d’imposta 2020 dei costi chilometrici di esercizio di autoveicoli e motocicli elaborate dall’Aci, ai sensi del comma 1, dell’art. 3 del dlgs 314/1997, sono necessarie per determinare il compenso in natura per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti:

Si ricorda, innanzitutto, che l’uso promiscuo consiste nella possibilità di utilizzare il veicolo a fini sia aziendali sia personali e che, quindi, il veicolo può essere usato, oltre che per esigenze lavorative, anche per percorsi casa-lavoro e viceversa, per percorrenze nelle ore serali, per viaggi nei fine settimana o nel corso delle vacanze. L’utilizzo promiscuo da parte del dipendente deve essere provato in base a idonea documentazione che ne attesti con certezza l’utilizzo, quale, per esempio, una clausola del contratto di lavoro (circ. 48/E/1998 2.1.2.1) o, in alternativa, da una scrittura privata avente data certa o da uno specifi co verbale dell’organo amministrativo; al fine di evitare inconvenienti in sede di controllo anche in itinere e durante l’utilizzo, è opportuno che nel veicolo sia conservata la documentazione relativa all’autorizzazione concessa dall’impresa per l’utilizzo del mezzo.

auto aziendali fringe benefit
Come funziona l’ecotassa sulle auto aziendali (Italia Oggi, 3 gennaio 2019)

Si ricorda che, ai sensi del comma 1, dell’art. 51 del dpr 917/1986 (Tuir), il reddito di lavoro dipendente è formato da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro.

Leggi anche: Le nuove regole per le visite e gli esami medici