Economia

Roma, le strisce bianche diventano strisce blu: addio al parcheggio gratis

strisce blu roma

Si tratta di uno dei progetti contenuti nel Pgtu – il Piano generale del traffico urbano del 2015 – che mira ad assottigliare gli spazi a Roma per la sosta in strada esentati dal pagamento del ticket. E prevede la cancellazione di  12.726 stalli bianchi dei 16.816 totali (ovvero il 75,6 per cento) che diventeranno a pagamento e su cui penderanno le nuove tariffe. La cifra degli stalli da modificare è enorme e vastissima è la porzione della Capitale interessata dalla manovra. Spiega oggi Il Messaggero: 

L’obiettivo è semplice: con questa mossa il Comune punta ad aumentare gli introiti della sosta a pagamento e ad incentivare l’uso di bus, tram e metro perché – è questo l’assunto – riducendo anche gli spazi gratuiti per le auto, i romani dovrebbero essere incentivati a usare i mezzi pubblici. Se il processo sarà così lineare lo si capirà in un secondo momento. Per ora, di certo, c’è solo l’elenco degli ambiti che rientrano nella Zona 1 e 2 del Pgtu su cui intervenire.

roma strisce blu
Roma, le strisce bianche e le strisce blu (Il Messaggero, primo aprile 2019)

Non si tratta di zone periferiche, dove invece anche le tariffe per la sosta blu scenderanno, ma di quartieri vicini al Centro storico. Si va dall’Appio Latino dove a essere cancellati saranno 962 parcheggi delimitati dalle strisce bianche all’Aurelio (circa 146 posti gratis in meno). Ancora: nell’elenco figurano poi Castro Pretorio che dirà addio a 279 posteggi liberi, Celio (115), Esquilino (684), Monti (452), Ostiense (170 nella parte che rientra nel I Municipio), Salario (309), San Saba (175), Campitelli-ripa (52), Ludovisi-Sallustiano (244) e anche Monte Sacro (515).

La decurtazione maggiore riguarderà il quartiere Trieste con 1.988 stalli bianchi che diventeranno a pagamento a cui segue il Nomentano (1.799), il quartiere Della Vittoria con 1.493 stalli gratis da rimuovere e, infine, Prati (1.052). Risparmiati dalla modifica invece i quartieri di Trionfale, Trastevere, Testaccio e Flaminio che manterranno ognuno le attuali strisce bianche.

Leggi anche: Karim: il tizio che ha insultato la dirigente della Digos Tea Mercoli a Verona