Attualità

Quelli che sparano con il fucile ad aria compressa ad Aprilia

Nel giorno di ferragosto uno straniero di nazionalità camerunense intorno a mezzogiorno transitava a piedi in una zona del centro di Aprilia. L’uomo e’ stato colpito al piede da un piccolo proiettile di piombo che gli ha causato una lesione considerata guaribile in cinque giorni. Dopo aver chiesto aiuto entrando in un’attività commerciale, all’arrivo dei carabinieri la vittima ha indicato una ipotetica zona dalla quale poteva essere partito il colpo.

Quelli che sparano con il fucile ad aria compressa ad Aprilia

I militari, dopo alcune verifiche e diverse perquisizioni hanno individuato i sospettati in tre giovanissimi – un ventenne e altri due minorenni – che, secondo la loro versione, con un fucile ad aria compressa di libera vendita dalla finestra della propria abitazione stavano provando l’arma dalla quale è partito il colpo che ha raggiunto al piede l’uomo. I tre sono stati denunciati per lesioni aggravate.

fucile aria compressa
Foto da: Pixabay

Nel luglio scorso tre persone a bordo di un’auto hanno preso di mira un gruppo di sette-otto nigeriani stava aspettando il pullman a Latina Scalo, per tornare nella vicina struttura di Borgo Faiti gestita dalla coop Karibu che li ospita. Da un’auto scura con a bordo tre persone sono stati esplosi diversi colpi di pistola. Alla fine l’arma si rivelerà una pistola ad aria compressa. Due nigeriani, di 26 e 19 anni, centrati dai proiettili in gomma esplosi, hanno riportato delle escoriazioni e degli ematomi e sono stati medicati sul posto.

Leggi sull’argomento: Quanto spende l’Italia in manutenzione stradale