Economia

I poveri in Italia sono più che raddoppiati

Durante la crisi i poveri sono passati da 1,8 milioni nel 2007 ai 4,6 milioni del 2015: lo certifica il Rapporto 2016 sulla Povertà della Caritas che segnala che la povertà assoluta (ovvero la condizione di coloro che non possono acquistare beni e servizi che servono per vivere in maniera dignitosa) tocca il 7,6% della popolazione nel 2015, in crescita rispetto all’anno precedente e la percentuale più alta dal 2007, quando erano appena il 3,1%. La povertà è una condizione che tocca l’intera struttura della società e quindi anche i giovani: il 10% di chi ha meno di 34 anni è un povero assoluto. Racconta La Stampa:

Secondo le indicazioni dei 1649 centri di ascolto della Caritas, l’età media delle 190.465 persone che hanno chiesto un aiuto è di soli 44 anni; una volta erano molto di più gli anziani. Oggi si presentano allo stesso modo uomini e donne; un tempo erano soprattutto le donne. E se a livello nazionale sono gli stranieri in maggioranza coloro che si rivolgono alla Caritas (57,2%), nel Mezzogiorno gli italiani hanno fatto il sorpasso e sono al 66,6%. Dati che fanno il paio con quelli pubblicati ieri da Eurostat. Nel rapporto sulla situazione sociale, l’istituto di statica europeo afferma che l’Italia è tra i Paesi che hanno registrato i maggiori aumenti del rischio di povertà ed esclusione sociale tra il 2008 e il 2015. Con una crescita di 3,2 punti percentuali l’Italia siamo quarti, battuti solo da Grecia (+7,6), Cipro (+5,6) e Spagna (+4,8). Il 28,7% degli italiani è considerato in difficoltà, cioè a rischio povertà o esclusione sociale. Infine, viene considerata in stato di «grave deprivazione materiale» ben l’11,5% della popolazione italiana: vuol dire non potersi riscaldare bene in casa, non poter sostenere una spesa imprevista, non poter mangiare proteine almeno una volta in due giorni, non poter fare una settimana di vacanza.

poveri in italia raddoppiati
L’infografica della Stampa sulla povertà e sui dati Caritas (18 ottobre 2016)

Leggi sull’argomento: La povertà in Italia continua a crescere