Attualità

Perché Tiziano Renzi poteva postare su Facebook dagli arresti domiciliari

tiziano renzi facebook

Ieri Tiziano Renzi ha pubblicato un lungo status su Facebook per discolparsi, senza entrare nel merito, riguardo l’accusa di false fatturazioni e bancarotta fraudolenta. La questione ha scatenato qualche domanda perché di solito a chi è agli arresti domiciliari è vietato utilizzare i social network, così come è vietato l’utilizzo del telefono. Ma in realtà a Tiziano Renzi, come ha detto lui stesso, è attualmente consentito l’uso dei social network. Il motivo lo spiega oggi Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera:

La scelta di non imporre alcun divieto di incontro e di comunicazione a Laura Bovoli e Tiziano Renzi è stata presa dal procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo e dall’aggiunto Luca Turco che hanno svolto le indagini sulla gestione delle cooperative collegate alla società «Eventi6» e alla fine hanno sollecitato per entrambi gli arresti domiciliari.

E dunque il giudice Angela Fantechi si è adeguata perché, come sottolinea lei stessa nel provvedimento di cattura, «il divieto che aggrava le modalità esecutive della misura non può essere disposto se non richiesto dal pubblico ministero». I magistrati dell’accusa hanno ritenuto sufficiente il fatto che i due coniugi non potessero andare in ufficio o gestire in alcun modo la propria attività imprenditoriale e dunque firmare atti, emettere fatture, siglare accordi o intese con fornitori e clienti per evitare la «reiterazione del reato» che è stato il motivo per cui è stata richiesta la misura degli arresti domiciliari.

Leggi anche: Giarrusso: «Ho fatto il gesto delle manette perché avevo paura di Alessia Morani»