Economia

Il prelievo sulle pensioni per fasce di reddito

pensioni anticipate quota 100 1

Come abbiamo visto nei giorni scorsi, ci sono due proposte di prelievo sulle pensioni d’oro che circolano all’interno della maggioranza che regge il governo Lega-M5S. La prima è quella di Luigi Di Maio che prevede un ricalcolo su base contributiva della parte dell’assegno non corrispondente alle somme versate, che si tradurrebbe in tagli sostanziosi, ma a carico di pochi. La seconda è quella fatta circolare da Alberto Brambilla, ex sottosegretario al Welfare leghista e oggi presidente di Itinerari Previdenziali, che invece prevede  un contributo di solidarietà che destinerebbe le risorse raccolte ai non autosufficienti e a chi è senza lavoro. Un contributo temporaneo, come quello chiesto all’epoca di Monti ai pensionati d’oro, e un’idea diversa dal ricalcolo proposto dal MoVimento 5 Stelle che potrebbe rivelarsi illegittimo perché definitivo (e quindi cozzerebbe contro i “diritti acquisiti” dei pensionati). Nell’infografica pubblicata oggi da Libero si riepiloga il numero delle pensioni per fasce di reddito, il loro totale e l’importo medio lordo annuo del reddito pensionistico.

pensioni fasce di reddito
Le pensioni per fasce di reddito (Libero/Itinerari Previdenziali, 13 luglio 2018)

I conti della serva sul punto dicono che se si applicasse l’aliquota dello 0,35% al totale delle pensioni di vecchiaia e di reversibilità pagate dall’Inps si otterrebbero 600 milioni circa. Una modulazione a scaglioni potrebbe quindi determinare un gettito superiore. Ma è evidente che un contributo così fatto verrebbe chiesto a tutte le pensioni tranne quelle sociali, di invalidità e le più basse. Gli scaglioni però potrebbero rendere decisamente più digeribile un contributo del genere, soprattutto se dall’altra parte c’è lo spauracchio del ricalcolo.

Leggi sull’argomento: La Lega vuole tassare le pensioni?