Attualità

La storia del sindaco di Bagheria che compra un ecomostro in società con una deputata del M5S

patrizio cinque ecomostro aspra albergo - 8

Per colpa dei condoni (quello soprannominato “pace fiscale” e quello edilizio ad Ischia) Lega e MoVimento 5 Stelle sono ad un passo dalla crisi di governo. Luigi Di Maio si è reso protagonista di una ridicola sceneggiata alla ricerca di manine che manipolano il decreto fiscale. Matteo Salvini ha detto che a lui non piace «quella sanatoria edilizia ad Ischia» e ha ribadito il concetto facendo notare che «non è facile spiegare qui a Bolzano, dove non è abusiva nemmeno una fioriera, perché nel decreto su Genova ci sia il condono edilizio per Ischia. Perché Ischia sì e la pace fiscale no?».

Quando Patrizio Cinque e il M5S promettevano di abbattere gli ecomostri

Sul condono fiscale il partito di Di Maio è deciso a mantenere il punto. Su quello edilizio la situazione è diversa (forse perché anche il fondatore del MoVimento usufruì a suo tempo della sanatoria per condonare alcune sue proprietà immobiliari), come dimostra la storia dell’emendamento (poi ritirato) a prima firma di una deputata del M5S che avrebbe introdotto una sanatoria per gli abusi edilizi commessi nelle zone colpite dal sisma del 2016. Ma non finisce qui, perché a Bagheria si è passati dalle parole ai fatti. Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque infatti è tra i soci della società Nuova Poseidonia Srl che si è aggiudicata all’asta l’ecomostro di Aspra per farne un albergo.

patrizio cinque ecomostro aspra albergo - 1

Si dirà che Patrizio Cinque non è più del MoVimento, essendosi prima autosospeso – cosa che però non gli impediva di partecipare agli eventi ufficiali del partito – e poi “scomunicato” dal Capo Politico Di Maio. Il primo cittadino di Bagheria è indagato per falso ideologico, turbata libertà degli incanti, violazione del segreto d’ufficio e abuso d’ufficio e proprio nei giorni scorsi la Procura ne ha chiesto il rinvio a giudizio.

patrizio cinque ecomostro aspra albergo - 4
Il programma elettorale di Patrizio Cinque [Fonte]
L’ecomostro di Aspra, costruito negli anni Settanta, è da vent’anni uno scheletro di cemento che deturpa il litorale palermitano costruito all’interno del limite di 150 metri dalla costa (perché all’epoca non era ancora in vigore il limite di inedificabilità) . Il Manifesto rivela che in base ad un documento della sezione fallimentare del Tribunale di Palermo «l’immobile è sotto sanatoria per alcune parti che potrebbero essere abusive» probabilmente si tratta di alcune aggiunte fatte dai precedenti proprietari prima del fallimento, avvenuto a metà anni Novanta. La società Nuova Posidonia si è aggiudicata all’asta la struttura di tre piani con 1.600 metri quadri di terreno per 225 mila euro il 17 maggio 2017, quando Cinque era ancora a pieno titolo un esponente del MoVimento 5 Stelle.

La deputata del M5S in società con Patrizio Cinque

In quel periodo il M5S parlava di “modello Bagheria” e coniava la definizione di abusivismo di necessità. Di Maio spiegava che «Bagheria è una città dove si abbattono le case dei mafiosi, si abbattono le ville a 150 metri dalla costa e si fa un regolamento sull’abusivismo». Eppure al tempo stesso a Bagheria i Cinque Stelle si mettono in affari tra loro proprio per acquistare un edificio costruito entro il limite dei 150 metri dalla costa (per carità, all’epoca era legale) per farne molto probabilmente un albergo.

patrizio cinque ecomostro aspra albergo - 3
La deputata Caterina Licatini, a sinistra, assieme al ministro Fraccaro

Perché se ora Cinque è un “ex” in società con lui c’è anche una deputata nonché componente della commissione Ambiente alla Camera, Caterina Licatini insieme al marito Liborio Toia. Ci sono anche, rivela Repubblica, Angela Coffaro, compagna di un attivista del Movimento, e Federica Salerno.

patrizio cinque ecomostro aspra albergo - 2

L’ex sottosegretario PD Daniele Faraone ricorda che quattro anni fa Cinque si era presentato ai cittadini con un programma elettorale che prometteva la riqualificazione degli ecomostri per scopi di pubblica utilità nonché la possibilità di restituire ai cittadini, annettendolo al patrimonio comunale, il territorio abusivamente occupato. Non sembra però che l’operazione immobiliare iniziata dalla Nuova Posidonia Srl vada in questa direzione.

patrizio cinque ecomostro aspra albergo - 5
L’ecomostro di Aspra [Fonte]
I Verdi hanno presentato un esposto in procura ricordando che la precedente amministrazione comunale «stava lavorando ad un PUD ( piano utilizzo demanio ) che prevedeva in quell’area la realizzazione di una terrazza pubblica e l’abbattimento di parti consistenti dell’ecomostro». I Verdi fanno anche notare la singolare coincidenza della deputata Licatini che ha annunciato di voler uscire dalla società solo dopo che la notizia era divenuta di dominio pubblico. Patrizio Cinque invece difende la sua scelta: «Credo nel rilancio turistico di Bagheria, per questo ho partecipato all’acquisto dell’ecomostro di Aspra. So che ci saranno polemiche, ma adesso penso che possa essere un’occasione di sviluppo per la mia città». Che in fondo è quello che si dice anche del condono fiscale.

Leggi sull’argomento: Crisi di governo, il dilemma di Salvini