Attualità

Usa: il primo paziente morto per uso della sigaretta elettronica

sigaretta elettronica sigarette elettroniche

Una persona nello stato americano dell’Illinois che aveva contratto una malattia respiratoria legata all’uso delle sigarette elettroniche è morta: lo ha reso noto il dipartimento di Sanità pubblica dello Stato, secondo quanto riporta Sky News. Secondo l’emittente le autorità ritengono che questa sia la prima vittima dello svapo nel Paese. L’identità di questa persona, che aveva tra 17 e 38 anni, e la data del decesso non sono state rese note.

Il primo paziente morto per uso della sigaretta elettronica

La BBC racconta che i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno dichiarato che ci sono stati 193 “casi potenziali” in 22 stati degli Stati Uniti. Molti dei casi riguardano l’uso di THC, il principale composto attivo nella cannabis, hanno affermato gli esperti di CDC. I casi sono stati segnalati nel corso di due mesi tra il 28 giugno e il 20 agosto. La persona che è morta è stata “ricoverata in ospedale per malattia inspiegabile dopo aver segnalato l’uso di sigarette elettroniche”, ha dichiarato la dottoressa Jennifer Layden, responsabile medico e epidemiologo statale dell’Illinois. Il direttore del CDC Robert Redfield ha detto: “Questa tragica morte in Illinois rafforza i gravi rischi associati ai prodotti di sigarette elettroniche”.

morto uso sigaretta elettronica

La stessa BBC precisa che la causa della malattia misteriosa non è stata identificata. Le persone colpite presentavano sintomi tra cui tosse, respiro corto e affaticamento, nonché alcuni casi di vomito e diarrea. Non ci sono prove che ci sia stata in azione una malattia infettiva. I responsabili del CDC stanno effettuando test di laboratorio per i campioni liquidi nel tentativo di identificare eventuali composti nocivi.

Lo svapo è sicuro?

Ma è noto che esiste un “mercato nero” per i liquidi contenenti THC, che sono venduti legalmente attraverso dispensari di marijuana medica in alcuni stati. Potrebbero essere queste le responsabili delle malattie e della morte dell’uomo in Illinois. Il presidente della American Vaping Association, Gregory Conley, ha fatto sapere in uno statement di essere “fiducioso” che le malattie siano state causate da dispositivi contenenti cannabis o altre droghe sintetiche, non da quelle in vendita regolare.

sigaretta elettronica morto

Ma Brian King dell’ufficio del CDC sul fumo e la salute ha messo in guardia dai rischi stessi dello svapo “legale”: “È stata identificata una varietà di ingredienti dannosi, tra cui cose come particolato ultrafine, metalli pesanti come piombo e sostanze chimiche cancerogene”, ha detto, “insieme al diacetile”, un aroma usato per dare un gusto “burroso” che è stato collegato a “gravi vie respiratorie malattia”. Secondo King è possibile che casi simili si stessero verificando da tempo ma non siano stati riconosciuti dai medici.

Leggi anche: Zingaretti e Di Maio, la cena delle beffe