Attualità

La storia del mare sardo ceduto alla Francia

Un trattato firmato un anno fa e non ancora arrivato in Parlamento cede ai nostri vicini francesi il mare sardo e le zone più pescose al largo della Liguria e della Sardegna. Secondo Parigi l’accordo è già in vigore: fermati dei pescherecci italiani accusati di avere sconfinato. Il negoziato era iniziato nel 2006 con Prodi ed è ripreso nel 2012 con Monti. Il 21 marzo 2015 a Caen le firme dei ministri degli Esteri Fabius e Gentiloni.

La storia del mare sardo ceduto alla Francia

Scrive Libero oggi che a ridare importanza a quell’accordo, stilato a Caen quasi un anno fa, sono state una serie di azioni delle autorità marittime francesi che, a inizio 2016, hanno respinto o addirittura sequestrato alcuni pescherecci italiani nel Tirreno:

Le imbarcazioni, secondo i transalpini, avrebbero sconfinato in acque nonpiùitaliane avvicinandosi alla Corsica. Il caso più clamoroso è quello del «Mina», oggetto anche di una interrogazione parlamentare dei Cinque stelle: la barca è stata tratta in stato di fermo, il 13 gennaio scorso, nel porto di Nizza, e poi rilasciata su cauzione, creando un vero e proprio caso diplomatico. Le acque in cui la barca è stata fermata dai francesi, però, al capitano di bordo risultavano nostre: avrebbero «cambiato colore» proprio nel bilaterale Gentiloni-Fabius del 21 marzo 2015, avente per oggetto lo scambio di acque territoriali. La Farnesina si attiva siamo a metà gennaio – per risolvere l’increscioso episodio: il sottosegretario Benedetto Della Vedova dà una versione dei fatti che conferma l’accordo (acque al largo dell’Elba diventano italiane, in cambio di pescose fette di mare attorno alla Corsica,sia al largo della Liguria sia a nord della Sardegna, che passano sotto Parigi), ma spiega che, secondo la legge italiana,l’intesa non è in vigore, in quanto non è mai stata ratificata in Parlamento. Le autorità d’Oltralpe,però, paiono di tutt’altro avviso: tant’è che pochi giorni fa una nuova imbarcazione italiana, partita da Alghero, viene rimbalzata dai francesi e stoppata nella sua attività di pesca.

mare sardo ceduto alla francia
La cartina delle porzioni del mare intorno alla Sardegna (Libero, 14 febbraio 2016)

Il deputato Mauro Pili di Unidos, eletto con il Popolo delle Libertà alla Camera nel 2013 e nel frattempo passato a rappresentare la componente regionalistica sarda nel Gruppo Misto, denuncia: «Un’operazione scattata nei giorni scorsi quando un peschereccio sardo una volta lasciato il porto di Alghero e raggiunte le tradizionali aeree di pesca al nord dell’Isola si è sentito intimare dalle autorità francesi lo stop immediato. Il messaggio è stato chiaro: fermatevi state entrando in acque nazionali francesi in base all’accordo internazionale sottoscritto dal governo italiano e da quello francese», dice Pili che ha presentato un’interrogazione urgente al ministro degli Esteri e dell’Agricoltura. L’accordo è stato negoziato a partire dal 2006. La storia dei mari a nord della Sardegna «ceduti» da Renzi alla Francia. Pili ha pubblicato su Facebook una serie di fotografie che mostrano l’accordo tra Italia e Francia, non ancora ratificato dal parlamento:

“Le autorità francesi non ci hanno pensato due volte a fermare l’imbarcazione sarda. È solo così che tra ieri e oggi si è scoperto che un accordo internazionale siglato dal ministro degli Esteri francese Fabius e quello italiano Gentiloni aveva ceduto porzioni infinite di mare alla Francia, guarda caso quelle aree notoriamente più pescose e battute dalle imbarcazioni della flotta sarda”, ha sottolineato Pili che ha incontrato i pescatori del Nord dell’Isola e le organizzazioni di categoria annunciando anche iniziative clamorose se non verrà subito dismesso quel divieto da parte delle autorità francesi. “L’operazione maldestra e gravissima è stata compiuta in gran segreto – ha aggiunto Pili – e nessuna comunicazione e’ stata fatta ai soggetti interessati. Le stesse organizzazioni dei pescatori sono state colte di sorpresa. L’accordo siglato a Caen il 21 marzo 2015 è stato fatto scattare nei giorni scorsi in modo unilaterale dalla Francia, considerato che lo ha già fatto ratificare al proprio parlamento. Non altrettanto ha fatto il governo italiano che lo ha tenuto nascosto e non lo ha mai sottoposto al parlamento”.
mare sardo ceduto francia
La cartina del tratto di mare sardo ceduto alla Francia

Il mare sardo e la politica

Ora però il problema sembra destinato ad esplodere per creare problemi politici di grande rilevanza al governo Renzi, nonostante la dichiarazione congiunta firmata all’Eliseo tra i due esecutivi. Scrive Libero:

L’impressione è che al governo qualcuno si sia accorto di non avere propriamente portato a casa un affarone e che conseguentemente ci si sia attivati per provare a mettere una pezza ex post alla situazione: «Sono al momento in corso», recita infatti la risposta fornita da della Vedova ad un’interrogazione della senatrice pd Donatella Albano, «ulteriori approfondimenti da parte delle amministrazioni competenti, al termine dei quali sarà effettuata una valutazione globale sull’accordo del 2015, anche ai fini dell’eventuale avvio della procedura di ratifica parlamentare». Un supplemento di riflessione certamente in grado di portare frutti, ma destinato ad allungare i tempi lasciando campo ulteriormente libero all’arbitrio dei nostri cugini d’Oltralpe.

accordo sardegna italia francia 7
La risposta di Della Vedova sugli accordi Caen