Attualità

Marco Travaglio contro Emilio Carelli (M5S)

Marco Travaglio va oggi all’attacco di Emilio Carelli: il giornalista, ex direttore di Sky e oggi parlamentare del MoVimento 5 Stelle, viene paragonato dal direttore del Fatto ad Alessandro Di Battista, contro il quale i vertici M5S sarebbero arrabbiate per le uscite contro Berlusconi e Salvini.

Se proprio volessero smentire qualcuno, i vertici M5S dovrebbero farlo col neodeputato Emilio Carelli, ex giornalista del Tg5 e poi di Sky, protagonista di un’incauta intervista al Messaggero in cui diceva, a proposito di B.: “Qui non si tratta di avere una pregiudiziale su una persona”. Parole curiose, in bocca a un esponente di punta degli stessi 5Stelle (l’altra sera parlava nei tg a nome loro) che alla vigilia delle elezioni, davanti alla villa di Arcore, diedero pubblica lettura della sentenza Dell’Utri sul patto stipulato nel 1974 da B. con Cosa Nostra, da lui finanziata fino al 1992.

In che senso Carelli smentisce “pregiudiziali ”sulla “persona” di un tipaccio del genere? Un movimento che voglia cambiare le cose e farla finita con gli inciuci destra-sinistra che hanno ingrassato il Delinquente e la sua banda e ora li tengono in vita artificialmente deve partire proprio dalla pregiudiziale su quella persona.

travaglio grillo rodotà m5s governo - 3

Per Travaglio i 5 Stelle dovrebbero avere nei confronti di Berlusconi una pregiudiziale culturale prima che politica:

Una pregiudiziale che con la politica e i programmi non c’entra un bel nulla: è una pregiudiziale penale, morale, antropologica. Nel senso che con B. non si parla, punto.E non perché, come dice Carelli con voce flautata, “il discorso su Berlusconi riguarda il passato, riguarda una forza politica che ha già avuto l’opportunità di governare questo Paese negli ultimi venti anni e lo ha fatto in diverse occasioni però ha fatto tante promesse e non le ha mai mantenute.

Secondo noi stare con Berlusconi è guardare al passato. E noi vogliamo guardare al futuro”. Forse che il problema di B. non sono i conflitti d’interessi, i monopoli televisivi ed editoriali, le 60 leggi vergogna, l’editto bulgaro contro Biagi, Luttazzi, Santoro & C.,le missioni di guerra in Iraq, Afghanistan e Libia, i disastri in materia di giustizia, immigrazione, economia, scuola, sanità, lavoro, fisco e cultura, le sentenze di condanna o di prescrizione per reati gravissimi, le compravendite di politici, parlamentari, finanzieri, magistrati, testimoni e donne a volontà, ma le promesse non mantenute? E quali, poi?

Leggi sull’argomento: Silvio Berlusconi e il governo Lega-M5S-FdI