Attualità

La mappa delle vie più pericolose di Roma

@neXt quotidiano|

via cristoforo colombo strade

La strada romana più pericolosa di tutte resta via Cristoforo Colombo: a causa delle buche e delle radici degli alberi che affioravano sull’asfalto, il Campidoglio era arrivato fino a imporre il limite di velocità a 30 chilometri orari. Ma in generale le consolari romane sono le strade più pericolose, visto che lì si registra il numero più alto di incidenti dovuti a voragini aperte sul fondo stradale e alberi pericolanti, secondo gli ultimo report della polizia locale raccontati oggi dal Messaggero:

Dalla Casilina alla Cassia, sono le strade di scorrimento radiali della Capitale (quelle che vanno dal centro alla periferia) le più a rischio: e i risarcimenti per i danni causati alle vetture ne sono la diretta e immediata conseguenza. Le zone con maggiori insidie sono, infatti, quelle attraversate dalle arterie abitualmente più dissestate.

mappa vie più pericolose di roma
La mappa delle vie più pericolose di Roma (Il Messaggero, 23 giugno 2019)

Situazione ancora peggiore, se possibile, nel municipio X (Ostia-Acilia). A portare verso l’alto l’ex circoscrizione del litorale romano in questa (ben poco invidiabile) classifica non è soltanto l’ormai famigerata via Colombo, ma anche l’asse via del Mare-via Ostiense e alcuni tratti della Litoranea particolarmente disseminati di buche.

Imbarazzo della scelta, invece, per il municipio XV: a Roma nord il tasso di incidenti (e di conseguenti risarcimenti da pagare per l’amministrazione capitolina) è mantenuto alto in primis da via Cassia – una delle arterie con i maggiori problemi di manutenzione in assoluto ma anche da via Flaminia nuova, viale di Tor di Quinto e (in parte) via Trionfale.

Leggi anche: Salvini e la manovra d’estate